menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Centro, due bande di ragazzini si danno la caccia da mesi: telecamere per fermarli

Le due maxi-risse di sabato scorso sono solo la punta dell'ice-berg. Già a novembre si sono affrontati diverse volte ai Giardini Carducci. La Questura vuole fermare i 40 ragazzi prima che la situazione degeneri anche perchè le bande sarebbero divise in base all'etnia dei padri

C'è preoccupazione sia in Questura che in Prefettura di Perugia per quelle due risse sfiorate tra giovanissimi che si sono verificate sabato scorso in due luoghi del centro storico a distanza di un'ora. Preoccupazione perchè, come spiegato a Perugiatoday.it, non sono due fatti isolati. A Novembre altri due "incontri" pericolosi sono avvenuti ai Giardini Carducci. Sempre tutto sotto gli occhi dei passanti e turisti che hanno chiamato a valanga a le forze dell'ordine. 

I protagonisti, secondo la Questura, sono sempre gli stessi 30-40 ragazzi tra i 14 e i 17 anni. Sono divisi in due bande che si cercano per affrontarsi e per picchiarsi. Lo fanno tramite cellulare ma soprattutto gli appuntamenti via facebook. L'indagine è passata ora in mano agli agenti della Squadra Mobile che ha raccolto le immagini delle telecamere sia nell'area di San Francesco al Prato che in quella di Piazza Matteotti. Inoltre si stanno raccogliendo molte testimonianze.

Si vuole mettere fine ad una violenza da bande che potrebbe sfociare in qualcosa di peggio. In mezzo al gruppo sarebbero stati visti brillare dei coltelli e qualche bastone sarebbe stato sfoderato. Ma è tutto da verificare. Ma quello che preoccupa non è tanto il potenziale violento - fino ad oggi solo spintoni e qualche manata....più per darsi un tono che in nome dell'amore per la violenza - ma che le due bande sarebbero contrapposte per etnia. Studiano tutti a Perugia, ma sono di genitori stranieri. 

Da quanto si apprende dalla Polizia, si sta cercando di verificare alcune testimonianze - prese da giovani vicino ai due gruppi - che parlano di gang di perugini di origine dell'Est e di altri perugini di origine del maghreb. Bande su base etnica - ma anche con ragazzi del posto compagni di scuola - che potrebbero aprire una faida continua da tramandare ad altri minorenni. La Questura vuole subito mettere fine a queste violenze per evitare il peggio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento