menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una "piccola azienda dello spaccio" di coca tra San Martino e Montebello

Li hanno seguiti, arrestati più volti e dopo sono riusciti ad inchiodarli in maniera pesante con l'accusa di spaccio continuato. In manette due albanesi che facevano la staffetta per gestire centinaia di clienti

Una piccola azienda dello spaccio che vendeva coca tra Santa Maria Rosa, San Martino in Campo, Madonna del Piano e l’uscita di Montebello della E/45. I titolari: due albanesi che si davano la staffetta quando venivano arrestati per non interrompere il business che fruttava diverse migliaia di euro a settimana. La scoperta è stata fatta dai carabinieri che dal 7 febbraio scorso stavano indagando sui flussi di traffico in entrata di droga nei territori di Marsciano, Todi e Deruta. Il tutto era iniziato nella zona Montebello di Perugia quando i Carabinieri della Stazione di Marsciano arrestavano, nei pressi di una discoteca, un trentaduenne albanese mentre cedeva della cocaina ad una coppia della media valle del Tevere.

L'ultimo arresto risale al settembre 2013, in San Martino in Campo, dove è finito in manette l'altro socio che in sella ad una bicicletta aveva venduto della cocaina ad un commerciante di Assisi. La banda aveva escogitato diverse strategie per non essere presi: utilizzavano due auto che alternavano frequentemente per non essere individuati. Si fermavano per pochi secondi lungo la strada dove cedevano la coca su appuntamento. Gli assuntori di cocaina identificati hanno un’età compresa tra i 44 ed i 30 anni, verranno segnalati alle Prefetture competenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento