menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nel nome di Sant'Ercolano, Vescovo Bassetti: "No al divorzio fra fede e cultura"

Perugia ha celebrato il Santo Patrono Ercolano nella chiesa dell'Università. L’arcivescovo monsignor Bassetti ha ribadito che la fede e la scienza possono tranquillamente convivere senza essere nemici l'uno dell'altro

"Occorre che la nostra Chiesa si ringiovanisca, si liberi dalle sue stanchezze che sappia coinvolgere tutti nell'avventura umanizzante del Vangelo". E' uno dei passaggi dell'omelia dell'arcivescovo  Gualtiero Bassetti, pronunciata questa sera nella chiesa dell'Università degli studi di Perugia durante le celebrazione eucaristica conclusiva della solennita' di sant'Ercolano, patrono della citta' e dell'Ateneo.

"No al penoso divorzio tra fede e cultura", ha sottolineato mons. Bassetti "Forse siamo troppo svelti nel pensare la nostra epoca come totalmente altra rispetto a quella di Sant'Ercolano. In realtà non mancano le stesse sfide alla fede dei credenti, o simili idolatrie. Il denaro fine a se stesso, l'avere e il piacere. Idolatrie che partoriscono indifferenza nei confronti del Dio vero. Ben a ragione scrisse il teologo tedesco Karl Barth: 'Quando il cielo si svuota di Dio, la terra si riempie di idoli'.

E lo sappiamo: sono idoli ammalianti, ma presto deludenti e mortificanti. Pensiamo alla confusione attorno alla figura di Gesu' Cristo, forse non piu' messa in discussione come al tempo di Ercolano: ma semplicemente misconosciuta, ignorata nel suo mistero di Figlio di Dio, talvolta persino degli stessi battezzati. Pensiamo alla riduzione del Vangelo ad opinione, una delle tante sul mercato delle proposte etiche di questo tempo e per questo opinabile, elitaria, e si ha l'impressione di vagare nei quartieri di Babele. Pensiamo alla reclusione della fede in sacrestia, nel segreto delle coscienze individuali e per questo resa inidonea a diventare forza sociale, lievito di cultura". "Continua cosi' a consumarsi - ha continuato il presule - quel penoso divorzio fra fede e cultura, affermando che altro è la fede, altro è la vita, altro è il Vangelo e altro è il modo di pensare e di operare nel mondo, a cui si dà rassegnatamente ragione". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento