menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tentano di riscaldarsi in casa con un braciere, famiglia intossicata dal monossido di carbonio

E’ stato accertato che l’intossicazione è  stata determinata dalle esalazioni di un braciere, trovato in azione al momento dei soccorsi, azionato durante la notte per riscaldare la casa dopo il freddo di questi giorni

Allarme nella notte a Castiglione del Lago. Una famiglia composta da madre e figlia, di sessanta e venticinque anni, ed un giovane di origini africane, di trenta anni, è stata ricoverata al Santa Maria della Misericordia a causa di una intossicazione da monossido di carbonio. E’ stato accertato che l’intossicazione è  stata determinata dalle esalazioni di un braciere, trovato in azione al momento dei soccorsi, azionato durante la notte per riscaldare la casa dopo il freddo di questi giorni.

Nel cuore della notte, come riferisce una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, è arrivata la richiesta di soccorso alla centrale operativa del 118, che ha disposto l’invio di una autoambulanza ed auto mediche, partite dall’ospedale di Castiglione del Lago. Le condizioni degli intossicati sono stazionarie dopo che i sanitari della struttura di Medicina Interna hanno iniziato le terapie. L’intera famiglia era stata trasferita in ospedale in codice rosso, assegnato per le condizioni in cui versavano le due donne ed il giovane al momento dei soccorsi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento