menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Pfizer, l'Umbria non sarà penalizzata: si va avanti con il vaccino, a breve la copertura per anziani e disabili

Gli ultimi dati pubblicati del Ministero della Salute indicano che in Umbria all'Umbria sono attualmente 13.156 le persone vaccinate

Nessun ritardo sulla tabella di marcia per la vaccinazione in Umbria anche dopo le difficoltà annunciate per distribuire le scorte concordate da parte del collosso farmaceutico Pfizer-BioNTech. Lo hanno ribadito da Roma, lo staff del commissario straordinario Domenico Arcuri, che ha spiegato che l'Umbria "non subirà tagli come Abruzzo, Basilicata, Marche, Molise e Valle d'Aosta". Altra conferma di peso arriva dalla task-force regionale, guidata dall'assessore Luca Coletto: "nessun ritardo previsto".

Anzi da domani - 18 gennaio - parte la fase della seconda dose per i primissimi in Umbria che tra il 27-28 dicembre hanno sperimentato il vaccino della Pfizer. Mentre si andrà verso conclusione delle somministrazioni nelle Rsa umbre (3500 soggetti previsti). Dal 25 gennaio in poi si può iniziare ad eseguire la vaccinazione su ultraottantenni, disabili, farmacisti, odontoiatri e altre categorie partendo con le due mila dosi di vaccini Moderna - più facili da giostrare non essendo soggetto alla catena del grande freddo -. Gli ultimi dati pubblicati del Ministero della Salute indicano che in Umbria all'Umbria sono attualmente 13.156 le persone vaccinate (quasi l'84% delle dosi a disposizione). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Umbria, sanità in lutto: è morto il dottor Giulio Tazza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento