La storia | Case popolari, anziana ipovedente in difficoltà: "Mia madre disabile ignorata... aiutateci"

Antonella si batte per la madre, 83 anni, titolare della casa popolare, non più autosufficiente

La storia è di quelle che fanno arrabbiare anche perchè il problema si potrebbe risolvere con poco. Antonella, dopo aver chiesto un incontro con il sindaco Romizi e dopo aver ricevuto il responso dell'Ater, si è rivolta a Perugiatoday.it per cercare di sbloccare un problema piccolo per la nostra comunità, enorme per una famiglia che dichiara poco più 3mila euro all'anno e dove la disabilità è un fattore con cui convivere fino alla fine dei propri giorni. Antonella si batte per la madre, 83 anni, titolare della casa popolare, ipovedente. 

La situazione si è drammaticamente complicata da quando la figlia - 53 anni - ha subito un infarto: non può sollevare i pesi, non può fare più grossi sforzi. Aiutare l'anziana madre, quasi cieca, limitata nei movimenti, è diventato difficile. Anche per quelle azioni quotidiani, fondamentali, come lavarsi. Entrare ed uscire dalla piccola vasca della casa popolare alla Pallotta (Perugia) non è più possibile. Da qui la richiesta all'ater e al comune di cambiare la vasca con un impianto doccia. Una piccola cosa, un piccolo aiuto... eppure sono fioccati i no, la burocrazia e l'unica ipotesi è la seguente: Antonella e sua madre se vogliono tale impianto se lo devono pagare. I soldi non ci sono e quindi niente aiuto per l'anziana madre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonella disperata ha voluto raccontare la sua storia lanciando un appello al sindaco Romizi, ai vertici Ater e persino ai privati. Se le istituzioni non risponderanno alle richieste di Antonella si macchieranno di una colpa "umana e politica" che sarà difficile da lavare una volta che saremo richiamati alle urne elettorali. Ecco il suo messaggio (il direttore Nicola Bossi)
*****
di Antonella Pirilli
Buongiorndo, vorrei sapere se è possibile avere un vostro aiuto per un mio grande problema. Sono disperata. Ho 53 anni e un infarto che non mi permette di sollevare pesi. Ho mia madre di 83 anni, invalida ipovedente e quindi molto limitata nei movimenti compresa l'igiene quotidiana alla propria persona. Ora considerando che abitiamo in un appartamento del comune di Perugia, gestito da Ater, ho fatto richiesta il 19/02/2020 di poter avere un piatto doccia al posto della vecchia vasca. Mi è stato detto che NON CI SONO I SOLDI E QUINDI SE VOGLIO posso farlo a spese mie, con una ditta consigliata da loro e quando dovrò lasciare l'appartamento DEVO RIPRISTINARE LA VECCHIA VASCA. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • IMPORTANTE E' stato ritrovato a Perugia un Gatto del Bengala: si cerca il proprietario

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • INVIATO CITTADINO Perugia, città (ab)usata senza ritegno… nell’indifferenza generale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento