Cinque bambini profughi salvati e accolti dalla Caritas: ora possono abbracciare i genitori

’Epifania del Signore ha portato loro un “dono immenso”, quello di aver potuto abbracciare, dopo tre mesi di attesa, i loro papà dopo essere arrivate in Italia con le rispettive madri

Il “dono” della Befana è il ricongiungimento familiare per alcune famiglie profughe accolte dalla Caritas di Perugia. Durante le festività natalizie il cuoricino di cinque bambini profughi accolti dalla Caritas diocesana ha pulsato forte, forte… L’Epifania del Signore ha portato loro un “dono immenso”, quello di aver potuto abbracciare, dopo tre mesi di attesa, i loro papà dopo essere arrivate in Italia con le rispettive madri. 

LE STORIE - La più piccola commensale del “Pranzo di Natale” ha appena quattro mesi ed è nata dopo che la madre aveva lasciato la Libia, dove era rimasto il marito in attesa di poterla raggiungere in Italia. Diversa è la storia degli altri quattro bambini, che, insieme ai loro genitori, erano stati tratti in salvo nel Mediterraneo da una nave e portati a Lampedusa, dove per errore i padri erano stati trasferiti a Sassari.

La Caritas perugina, accogliendo questi minori con le loro madri, si è adoperata affinché, con l’aiuto delle Prefetture di competenza, fossero portate a termine nel periodo natalizio le procedure burocratiche per il ricongiungimento familiare. Ricongiungimento che è avvenuto due giorni prima dell’Epifania, salutato come un dono del Signore per questi piccoli, le loro mamme e i loro papà, che dal 4 gennaio sono tornati a vivere insieme ospiti della Chiesa diocesana in una struttura in località Solfagnano di Perugia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«L’incontro è stato una sorpresa – racconta Stella Cerasa, assistente sociale del “Progetto diocesano di accoglienza” –. Alle mamme non abbiamo detto nulla, ma con una scusa le abbiamo fatte preparare di buon mattino e quando hanno visto arrivare i padri delle loro creature hanno provato una gioia indescrivibile, che ha riempito di felicità e soddisfazione anche noi operatori. Quest’opera di ricongiungimento, che ha visto ancora una volta impegnati insieme la Chiesa e le Istituzioni civili preposte, è un bel segno di speranza per tanti profughi in attesa di ricongiungersi, ma anche per coloro che si prodigano ad accoglierli operando in un clima il più sereno possibile».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

Torna su
PerugiaToday è in caricamento