Padre detenuto e figlio in visita aggrediscono agente che interrompe il colloquio: a processo

L'assistente della Penitenziaria era intervenuto per dare sostegno ad un collega che era stato minacciato, poi l'esplosione della violenza

Padre e figlio sotto processo per aver aggredito e malmenato un assistente della Polizia penitenziaria in servizio a Capanne. I due avrebbero posto in essere i comportamenti violenti che equivalgono ai reati di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni aggravate e oltraggio a pubblico ufficiale, durante un colloquio con i familiari in carcere a fine febbraio del 2020, con tanto di arresto e giudizio per direttissima.

Secondo la ricostruzione accusatoria, padre e figlio (il primo detenuto, il secondo in visita in carcere) avrebbero “in concorso tra loro” aggredito un agente della Polizia penitenziaria che “li aveva invitati a porre termine al colloquio visivo all’interno della stanza colloqui del carcere per scadenza del tempo”. All’invito dell’agente il padre detenuto avrebbe uno minacciato il poliziotto: “Sei il solito pezzo di m..., infame, fuori ti faccio sistemare io, così impari a vivere” per poi avvicinarglisi “inveendo al fine di aggredirlo”. La moglie del detenuto cercava di trattenere il marito, ma scivolava e cadeva, “sbattendo violentemente la testa sul pavimento”.

Interveniva, per soccorrere la donna e il collega, un assistente della Polizia penitenziaria, ma veniva aggredito dal padre e dal figlio “con violenza”. I due avrebbero sferrato “violenti calci alla testa e all’addome”. L’assistente riportava una “contusione commotiva cranica, contusioni multiple del volto con tumefazione all’occhio e all’addome”.

Padre e figlio erano arrestati. Il fermo era convalidato dal giudice, anche alla luce della “indole aggressiva del detenuto” e “l’assoluta gratuità della condotta” e l’aggressione scatenata da “futili motivi”, nonché per il “pericolo di reiterazione del reato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oggi si è svolta in tribunale, davanti al giudice Emma Avella, la prima udienza del processo a carico degli imputati, difesi dagli avvocati Luciano Ghirga, Giuliano Bellucci e Daniela Tizzano. L’assistente della Polizia penitenziaria si è costituito parte civile tramite l’avvocato Michele Gambini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un borgo umbro tra i 20 paesi più belli d’Italia del 2020 scelti da Skyscanner

  • INVIATO CITTADINO Alle sei del mattino due giovanissimi dormono davanti alla vetrina di un negozio: chiamata la Polizia

  • "Aiutatemi", ragazzo trovato nella notte legato a un albero: indagano i carabinieri

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 14 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Linea Verde Life fa tappa a Perugia ed elogia l’Antica Latteria di via Baglioni (le immagini)

  • Giovani coppie, single e famiglie con un solo genitore, dalla Regione quasi 4 milioni per l'acquisto della prima casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento