menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carabiniere accusato di violenza sessuale, sarà giudicato con rito abbreviato

Ammesso al giudizio di rito abbreviato; la discussione è stata fissata ad ottobre

E' stato ammesso al rito abbreviato, il carabiniere di Gualdo Tadino accusato di violenza sessuale e finito agli arresti domiciliari a seguito di una delicata indagine, volta a scoprire presunti atti sessuali, anche nei confronti di una minorenne. La discussione è stata fissata al 17 ottobre 2017, mentre sono tre le donne che si sono costituite parti civili. 

Carabiniere accusato di violenze sessuali: "Non sapevo che avesse un ritardo cognitivo"

Carabinieri accusato di violenze sessuale, per il Giudice "un vizio patologico"

Secondo l'accusa l'uomo (difeso dall'avvocato Nicola Di Mario) era solito intrattenere rapporti con persone mentalmente deboli, come nel caso della ragazza con un ritardo cognitivo “presa di mira” dal carabiniere. I dialoghi raccolti dagli inquirenti, fotografano il torbido in cui era abituato ad agire. Nonostante il diniego più volte palesato dalla vittima, pare che l'uomo insistesse per la registrazione di alcuni filmati “hard” da spedire all'estero in cambio di denaro.

Violenza sessuale, altre persone sentite dai Carabinieri: filmati girati caserma di Sigillo

Le presunte violenze sessuali anche su soggetti stranieri, che sarebbero state ricattate perchè operatrici del sesso o non in regola con i documenti. Insomma, sesso in cambio di silenzio e zero controlli. A questi tre casi si aggiungerebbe anche il presunto adescamento di una minore. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento