menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A capo di una rivolta nel centro espulsioni: fugge e torna a spacciare in P.Grimana

Se lo sono trovato di fronte mentre se ne stava a spadroneggiare con alcuni componenti del suo clan tutti pregiudicati per spaccio. Eppure era stato cacciato ad aprile per essere rimpatriato a Tunisi. Ecco come ha fatto per tornare...

Non se ne vuole andare in Tunisi. Preferisce continuare a vivere e spacciare in Piazza Grimana. Purtroppo i Centri Espulsione di questo Paese non sono così controllati e a prova di fuga come invece qualcuno vorrebbe far credere dipingendoli come delle prigioni. La dimostrazione sta nella tranquilla fuga dal Cie di un noto spacciatore clandestini tunisino che era stato arrestato nel 2010 - aveva una buona quantità di eroina e altre droghe - e lo scorso 9 maggio era stato espulso appena terminato il periodo di reclusione a Capanne.

Ma la sua permanenza nel centro - in attesa del biglietto per Tunisi - è durata poco tanto è vero che ieri pomeriggio - 17 ottobre - proprio uno degli agenti che lo aveva accompagnato lontano Perugia se lo è  ritrovato davanti  in Piazza Grimana. Lo straniero non ha provato nemmeno a fuggire e si consegna al poliziotto confessando di essere fuggito nei giorni scorsi, prima del rimpatrio, da un Centro espulsione del Sud Italia durante un tentativo di rivolta messo in atto con altri. Una rivolta mirata non per il trattamento inumano ma per ritornare dal suo clan a Perugia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento