menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bocconi avvelenati in Umbria, ecco i cani antiveleno per salvare gli animali

L'Umbria ha il record di avvelenamenti di animali domestici ma anche della fauna selvatica. Prima prova dimostrativa affidata all'addestratore Alberto Angelini ho portato il cane in fondo alla pineta mentre nella parte alta veniva rilasciata l’esca avvelenata.

Contro la piaga delle esche avvelenate che stanno decimando animali domestici e quelli selvatici - in particolare i lupi - scendono in campo i canti "anti-veleno" che ispezioneranno boschi e aree verdi cittadine. Una tas-force a quattro zampe che è stata presentata con tanto dimostrazione pratica ad Umberide nel corso del convegno “No ai bocconi avvelenati nella fauna selvatica: strategie innovative per contrastare la diffusione di esche e bocconi avvelenati”. Erano presenti alla esercitazione pratica i Rappresentanti degli A.T.C. Corpo forestale dello Stato, Polizia provinciale, G.E.V. (Guardie Ecologiche Volontarie), Associazioni venatorie, Servizi Veterinari delle A.S.L., E.N.P.A, Legambiente e Venambiente, W.W.F., Gestori di Z.R.C., Guardie giurate volontarie ittico-venatorie Cacciatori e rappresentanti dello Sportello a 4 Zampe della Provincia di Perugia. 

L’addestratrice cinofila Alessandra Mango ha introdotto e spiegato, che l’utilizzo di bocconi avvelenati risale alla volontà di eliminare animali ritenuti fastidiosi o concorrenziali con l’attività venatoria e l’agricoltura o per ritorsioni o rivalità tra cacciatori, si ricorre all’uso illegale dei bocconi avvelenati che provocano la morte, diretta o indiretta, di migliaia di animali Attualmente gli unici a poter svolgere questo compito sono i ‘Cani antiveleno’ come “Datcha”,  il cane che ha svolto l’esercitazione, addestrato per il ritrovamento dei bocconi avvelenati. 

_WEB5744-2

“Alla base dell’addestramento del cane – ha affermato Mango - c’è una forte relazione fra conduttore e cane. Come prima cosa all’animale deve essere insegnata l’obbedienza di base, così da essere gestibile e rispondere a determinati comandi. Successivamente si lavora sugli odori stando ben attenti ai veleni che possono agire anche per inalazione”. Durante la  prova l’addestratore Alberto Angelini ho portato il cane in fondo alla pineta mentre nella parte alta veniva rilasciata l’esca avvelenata. Datcha, con affianco Angelini, che non l’ha mai persa di vista, si è mossa velocemente odorando il territorio in maniera certosina fino ad arrivare all’esca. Dopo averla riconosciuta si è seduta aspettando la sua ricompensa ovvero un manicotto di corda con il quale la piccola è abituata a giocare insieme al suo padrone. Tutto il lavoro è impostato sul gioco – continua Mango – il cane deve avere una forte attitudine al divertimento, per questo l’addestramento del cane antiveleno in genere comincia a circa quattro mesi”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Motori

Nuova Jeep Compass ora anche a Perugia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento