menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Semina il caos al bar, botte, calci e insulti ai poliziotti: 27enne arrestato e padre denunciato

Scattata la denuncia anche per il padre del ragazzo per minacce e resistenza a pubblico ufficiale. Il 27enne è finito davanti al giudice

Resistenza, oltraggio e minaccia a pubblico ufficiale. Con queste accuse un 27enne italiano è finito agli arresti domiciliari dopo aver creato il caos in una stazione di servizio e in un bar nei pressi di Bastia. E’ accaduto nella serata di ieri, domenica 26 novembre quando un quarantenne, in attesa di fare rifornimento alla propria auto con a bordo anche i bambini piccoli, sarebbe stato insultato senza un apparente motivo da un giovane cliente del bar vicino. Allertato il 113, gli agenti sono riusciti ad intercettarlo dentro il bar, alla richiesta dei documenti per l’identificazione, si è però alzato di scatto dalla sedia, iniziando ad inveire contro dicendo loro di non voler essere disturbato perché stava vedendo in tv la partita.

A quel punto ha cercato di scappare, dirigendosi verso la porta del locale e continuando a minacciare e ingiuriare i due agenti. Ad un certo punto con una mossa repentina, il giovane ormai fuori controllo si è anche liberato dalla presa di un amico che lo stava trattenendo per poi colpire uno dei due agenti sferrandogli un calcio.

Mentre il poliziotto cercava di bloccarlo per evitare ulteriori colpi, i genitori del giovane presenti nel bar tentavano di liberarlo sottraendolo al poliziotto. I poliziotti, con grande difficoltà, cercavano di trattenere il 27enne,  ricevendo per tutta risposta spintonate e colpi fino a quando non sono riusciti a portarlo dentro l’auto di servizio. Il padre continuava tuttavia nella sua impresa cercando di aprire la portiera della volante per liberare il figlio non riuscendovi.

Già noto alle forze dell’ordine per i suoi pregiudizi per rissa, varie violazioni amministrative e guida in stato di ebbrezza alcolica e alterazione psicofisica da stupefacenti nonché da un avviso orale e dalla misura dell’obbligo di dimora presso il Comune di Bastia, è stato arrestato e su disposizione del pm di turno ristretto ai domiciliari in attesa del rito direttissimo che si è svolto questa mattina. Il giudice Loschi ha convalidato l’arresto e disposto nei suoi confronti la misura dell’obbligo di firma giornaliero presso un ufficio di polizia giudiziaria.  Scattata la denuncia anche per il padre del ragazzo per il reato di minacce e resistenza a pubblico ufficiale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento