Cacciatore aggredito da un cinghiale nei boschi, dito tranciato e due costole fratturate

E' accaduto qualche giorno fa nei boschi tra Porta Materna e Cerreto. L'uomo in quel momento aveva il fucile scarico e stava andando a recuperare i suoi cani

Immagine d'archivio

Aggredito e ferito da un cinghiale, con una prognosi di 35 giorni. E' l'amaro episodio accaduto nelle zone del Trasimeno qualche giorno fa e che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi per un cacciatore di 37 anni. L''animale, durante l'aggressione, gli ha tranciato anche un dito della mano, oltre a procurargli fratture a due costole e ferite al ginocchio. Il racconto dell'uomo è stato affidato alle pagine de La Nazione, dove ha ripercorso quei drammatici istanti a "tu per tu" con un esemplare maschio di oltre cento chili.

Il 37enne, a fucile scarico, stava andando a recuperare i suoi cani al termine della battuta di caccia a quel punto, una volta entrato nella riserva, si è consumata l'aggressione. Il cinghiale, come riporta La Nazione, ha caricato il giovane cacciatore e lo ha scaraventato a terra, ferendolo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento