rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Assisi

Gazza ladra chiusa in gabbia e usata come richiamo, cacciatore di frodo denunciato dai Carabinieri forestali

L'uomo è stato sorpreso pochi giorni fa mentre cacciava in periodo proibito e con strumenti vietati. L'animale è stato confiscato

Cacciatore di frodo beccato dai Carabinieri forestali ad Assisi mentre utilizza una gazza ladra, viva, come richiamo per gli altri volatili. Scattano perquisizioni, sequestri e sanzioni.

L’uomo, difeso dall’avvocato Giuseppe De Lio, è stato sorpreso dai Carabinieri forestali martedì 4 agosto agosto, mentre “esercitava la caccia nel periodo di divieto generale previsto dal calendario venatorio della Regione Umbria”. E questo già prevede arresto fino a tre mesi e fino a 2.500 euro di multa.

I Carabinieri hanno anche appurato che l’uomo “esercitava la caccia con l’ausilio di richiami vietati, in particolare faceva uso di una gabbia/trappola con due inneschi privi di contrassegno identificativo della Regione Umbria” e all’interno della gabbia “era presente un volatile atto al richiamo, nella specie, un esemplare di gazza ladra, non munito di anello identificativo”. Ipotesi che prevede un’ammenda fino a 1.500 euro. La gazza è stata confiscata.

Il difensore dell’uomo, l’avvocato Giuseppe De Lio, non ha rilasciato dichiarazioni, attendendo di conoscere gli atti nella loro interezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gazza ladra chiusa in gabbia e usata come richiamo, cacciatore di frodo denunciato dai Carabinieri forestali

PerugiaToday è in caricamento