Nessun rispetto per il ripopolamento, cacciatore barbaro uccide fuori dal periodo consentito

A finire nei guai un corcianese di 44 anni denunciato dai carabinieri per esercizio della caccia in periodo di divieto generale

Non importa che vi siano specifiche norme e un calendario venatorio che mette nero su bianco quando sia possibile o meno cacciare. Non importa neanche che i periodi in questione abbiamo lo specifico scopo di permettere alle specie predata di ripopolarsi. Non importa perché a volte, troppo spesso, c’è chi infrange le regole e caccia nonostante tutto.

Ad essere denunciato per esercizio della caccia in periodo di divieto generale, un 44enne corcianese con precedenti penali. L’uomo è stato, infatti, colto in fragrante a San Mariano, mentre era intento a sparare alcuni colpi contro dei volatili che si trovavano sul tetto di uno stabile in disuso. Il fucile, una carabina, è stata prontamente sequestrata dai carabinieri e l’uomo è stato, inoltre, segnalato all’autorità amministrativa per la sospensione del porto d’armi di cui risulta intestatario

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Ricerche sul monte Serrasanta a Gualdo Tadino, trovato il corpo del 40nne

  • Il Comune di Perugia assume personale, il bando e la scadenza

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento