Scappa dal marito violento e si rifugia dal vicino poliziotto, evitata tragedia familiare ad Assisi

L'uomo aveva anche minacciato di dar fuoco alla casa dopo aver cosparso la cucina di liquido infiammabile. Adesso è sotto processo

Scappa dal marito violento e si rifugia dal vicino poliziotto, evitando una tragedia familiare.

Protagonisti della vicenda, con risvolti processuali, una coppia di albanesi da una vita residenti nel territorio di Assisi. Una storia di violenza quasi quotidiana, secondo la denuncia presentata e le testimonianze ascoltate in tribunale, che ha portato l’uomo sotto processo, difeso dall’avvocato Franco Matarangolo. L’alcol e la gelosia sarebbero i due motivi scatenanti la violenza dell’uomo. Anche in aula ha dato in escandescenze ed è stato ammonito dal giudice e poi fatto allontanare.

Nel racconto della donna si ricostruisce una vicenda familiare violenta, culminata in un pestaggio al quale la donna si è sottratta riuscendo ad uscire di casa, con il marito che non poteva inseguirla a causa dell’alcol che ne limitava i movimenti.

Con il cellulare aveva chiamato un vicino di casa, poliziotto, che era di servizio e l’aveva raggiunta subito con il collega di turno. In casa aveva trovato l’uomo molto alterato. Alla vista degli agenti aveva preso una tanica di liquido infiammabile che teneva in casa e aveva sparso il contenuto nella stanza. Solo la prontezza degli agenti che gli avevano tolto l’accendino di mano non aveva causato una tragedia. Atto che gli era costato l’arresto.

Poi aveva raccontato che la moglie non doveva uscire di casa altrimenti non sarebbe più tornata, portandosi via i figli. Anche i figli, però, avevano paura del padre. Forse perché beveva troppo, come ha testimoniato la cognata, e si arrabbiava spesso. La donna aveva chiesto alla sorella e questa aveva risposto che se si arrabbiava era colpa sua, giustificandolo, che non faceva le cose bene e che i figli erano irrequieti.

La donna era stata portata via da un’amica, con i figli, e ospitata in una casa al sicuro dall’uomo che aveva trascorso una notte in commissariato ad Assisi. La mattina dopo era tornato a casa e non trovando moglie e figli aveva ripreso a comportarsi violentemente. Tanto che era stato necessario un nuovo intervento della polizia.

Adesso l’uomo è sotto processo per maltrattamenti in famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 25 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 26 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 23 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 27 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 24 novembre: tutti i dati comune per comune

  • Tragedia nella notte: si ribalta con l'auto e rimane schiacciato, morto un 29enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento