rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Rifiuti, per la Gesenu sono evasori: ma il Consiglio li assolve

Considerati furbetti per avere usufruito di bollette light perchè residenti in aree non servite, quando in realtà il serivizio c'era. Ma il Consiglio comunale scopre che nessuno li aveva avvisati. Niente more e interessi per loro

Bollati come evasori, oltre 200 perugini, erano stati richiamati dalla Gesenu a pagare dal 1999 ad oggi la rette completa per i rifiuti visto che non avevano diritto dei benefici delle aree non assistite dal servizio (meno 70 per cento). Bollette che hanno sfiorato anche i tre mila euro di multa più interessi. Una mazzata che però oggi potrebbe essere di molto mitigata grazie all'approvazione in Commissione di Controllo e Garanzia del Comune di Perugia su un documento sulle vere responsabilità delle bollette con agevolazione.

La commissione ha accertato che i cittadini coinvolti non hanno mai ricevuto alcuna comunicazione in merito da parte dell’Amministrazione comunale del nuovo status di residenti in area servita  ed anzi anche l’ultimo bollettino emesso nel mese di marzo 2011 riportava la dicitura “riduzione del 70% per zona non servita”. Questo cconsentirà alla Gesenu comunque di incassare denari dovuti ma si è invitato il Consiglio comunale a votare un testo senza more ed interessi e una ratealizzazione più ampia rispetto a quella prevista. Una boccata di ossigneno per i cittadini. Ci sono voluti più di 10 anni per accorgersi della inesattezza delle bollette inviate; ma almeno è stata evitata la beffa...ma il danno resta e da pagare.  La proposta di modifica sulle bollette Gesenu è stata presentata dall'esponente dell'Udc Otello Numerini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti, per la Gesenu sono evasori: ma il Consiglio li assolve

PerugiaToday è in caricamento