Contro la "buona scuola" di Renzi: oltre 150 studenti in corteo del Blocco Studentesco

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PerugiaToday

"Assaltando rideremo", questo lo slogan dello striscione portato dagli studenti folignati al corteo organizzato dal Blocco Studentesco Foligno che li ha visti sfilare da Via G. Marconi fino a Piazza della Repubblica, lungo le vie del centro storico. Oltre 150 persone per manifestare contro la Buona Scuola del governo Renzi e il contributo volontario.

"Abbiamo portato di nuovo colore nelle strade della città - spiega il responsabile cittadino del Blocco Studentesco, Davide Guerrieri -, cercando nuovamente di risvegliare le coscienze. Ormai le priorità della nostra società sono cambiate, senza preoccuparci di quello che oggi sta accadendo alla nostra nazione".

"Siamo scesi in piazza contro il 'contributo volontario', la tassa illegale d'iscrizione presentata come volontaria, ma che nei fatti è obbligatoria, che le famiglie degli studenti spesso sono costrette a pagare, e contro le politiche inadeguate del Governo - continua Guerrieri - come la recente riforma della Buona Scuola, che spiana la strada al finanziamento della scuola pubblica tramite investimenti privati, contro gli interessi degli studenti, senza dimenticare l'istituzione della figura dei presidi-manager, pronti a collocare studenti-consumatori sul mercato".

"Le istituzioni devono sapere che la voce degli studenti non può rimanere inascoltata - conclude Guerrieri - e che noi saremo sempre pronti a scendere in piazza per i nostri diritti".

Torna su
PerugiaToday è in caricamento