menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasimeno, blitz all'alba a caccia di bracconieri: pesci liberati e reti sequestrate

Operazione antibracconaggio delle Guardie Giurate WWF sul Lago Trasimeno, quella scattata alle 4 di questa mattina e che ha permesso di individuare e recuperare tofi e nasse (che in questo periodo sono degli strumenti di pesca illegali)

Operazione antibracconaggio delle Guardie Giurate WWF sul Lago Trasimeno, quella scattata alle 4 di questa mattina e che ha permesso di individuare e recuperare  tofi e nasse  (che in questo periodo sono degli strumenti di pesca illegali). Gli strumenti di pesca, circa 300 metri di rete, sono stati sequestrati, per un valore complessivo di € 2.500.

I tofi, le reti, sono state distrutte  sul posto e poste sotto sequestro, in attesa del definitivo provvedimento di confisca da parte della Regione.  All'interno dei tofi sono stati rinvenuti oltre 5 quintali di pesce, sia vivo e quindi liberato sul posto, che morto. Nell'operazione di polizia ambientale delle Guardie Giurate del WWF,  ci si è avvalsi di alcune imbarcazioni idonee, che hanno anche permesso di individuare altri tofi illegali.

“Più vasti controlli saranno estesi lungo il perimetro del lago nei prossimi giorni, per individuare i bracconieri, ai quali stiamo dando la caccia anche attraverso una "guerra elettronica"- spiega il coordinatore regionale  delle guardie giurate  delWwf  Sauro Prsenzini. “Sono state posizionate e mimetizzate  anche alcune fototrappole nei punti di accesso ai tofi illegali, per individuare i responsabili, che potranno quindi, essere successivamente  denunciati alla competente Procura della Repubblica, per furto danneggiamento e procurato pericolo ed ostacolo alla navigazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento