menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il luppolo di casa nostra sbanca Monaco: alla Birra Perugia l'Oscar dei mastri birrai

Un risultato incredibile per la piccola azienda perugina rinata dopo 90 di oblio. Ben 102 esperti hanno consegnato il primo posto dopo una degustrazione avvenuta alla cieca, ovvero senza sapere l'etichetta. Medaglia d'Oro all'European Beer Star Award 2013

Un premio straordinario per la Fabbrica della Birra Perugia, attività fondata nel lontano 1875 e rilanciata da alcuni giovani dopo quasi 90 anni di oblio. Ma anche un premio per la città, per l'Umbria e per il made in Italy nel suo complesso, a dispetto della concorrenza di realtà di tanti paesi, dalla Germania all'Inghilterra, dal Belgio agli Stati Uniti.

La Golden Ale della casa, birra dal colore chiaro e dai profumi agrumati, ha vinto la Medaglia d'Oro all'European Beer Star Award 2013, uno dei piu' importanti concorsi a livello mondiale che mette a confronto piu' di 1500 birre provenienti da 40 paesi differenti, tutte giudicate da una severa commissione di 102 esperti che assaggiano i campioni ''alla cieca''. Il concorso si tiene ogni anno in Germania e la premiazione e' avvenuta a Monaco di Baviera. Nella motivazione si legge per ''l'autenticità, il sapore, l'alta qualità e il carattere'' della birra.

''E' stata una grandissima emozione - raccontano i soci di Birra Perugia -; quando è arrivato il fax che ci annunciava la vittoria del concorso, posizionando la nostra birra al 1* posto, non credevamo ai nostri occhi. Inoltre andare a ritirare il premio in Germania, patria della birra, non ha prezzo: è stata una serata che non dimenticheremo mai, tra le piu' bella della nostra storia di birrai''. Un premio che certifica la qualità del progetto Birra Perugia, capace in poco tempo di riportare alla luce un pezzo di storia e di imprenditoria della città, posizionandolo subito ad altissimi livelli. Fondata nel 1875, la prima Fabbrica della Birra Perugia aveva sede in alcuni locali di palazzo Silvestri, nella centrale via Baglioni, vicino ai depositi di neve ubicati nei sotterranei della Rocca Paolina e utilizzati all'epoca come primordiali frigoriferi per la maturazione e la conservazione della birra, fatta in fusti di rovere.

Il tutto prima di trasferirsi nei piu' ampi locali di via Oradina (oggi via Bartolo), che furono la sede della Fabbrica fino alla fine degli anni Venti, quando Birra Perugia cesso' l'attivita'. Un oblio durato per decenni e interrotto di recente, grazie ad un progetto, moderno ma dal cuore antico

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento