Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca

"Biglietto, prego": ma riceve un pugno in volto dal ragazzino: capotreno trasportato al Pronto Soccorso. Il violento in fuga

Tutto sotto gli occhi degli altri viaggiatori. Il fatto è avvenuto sul treno Foligno-Ancona. L'Assessore Melasecche: Solleciteremo in Conferenza Stato-Regioni l’attenzione più ampia affinchè si possano ottenere misure adeguate.

Chiede il biglietto a un ragazzino sul treno, per tutta risposta riceve un pugno sul volto. Per il capotreno la prognosi è di 30 giorni. Il baby aggressore si è dileguato. Tutto sotto gli occhi degli altri viaggiatori.  E’ successo sabato pomeriggio sul regionale 19816 Foligno-Ancona. All’altezza della stazione di Genga, il capotreno in servizio di controllo ha chiesto il titolo di viaggio a quello che ha poi descritto come un ragazzo giovanissimo. Ha incassato il pugno al volto dal ragazzo che poi ha fatto perdere le proprie tracce. L’uomo, in servizio presso il centro direzionale dell'Umbria, ha contattato la sala operativa della Polizia Ferroviaria. Ora sono i carabinieri a proseguire le indagini per risalire all’aggressore.  IL VIDEO 

LA REGIONE “Il recente episodio di aggressione al capotreno che stava svolgendo regolarmente il proprio lavoro all’interno del treno 19816 ha riportato all’onore delle cronache un problema di ordine pubblico che non è possibile derubricare fra quelli cui ci si può assuefare”. E’ quanto afferma l’assessore regionale ai trasporti, Enrico Melasecche. 

"Soprattutto riteniamo che i viaggiatori che salgono su un treno o un autobus e i dipendenti che vi lavorano debbano avere garanzie di assoluta sicurezza. Abbiamo cercato di perseguire ad esempio la possibilità di far viaggiare gratis alcuni appartenenti alle forze dell’ordine sui treni regionali, sia in divisa che in borghese, i quali qualificandosi opportunamente con il capotreno, si impegnano ad intervenire immediatamente in caso di necessità. Ad oggi ci è stato impedito di applicare questa misura a causa degli oneri elevati richiesti da Trenitalia, oneri che il bilancio regionale non è in grado di coprire, anche perchè si tratta di un problema di ordine pubblico di carattere generale di cui non può farsi carico la sola Regione. Solleciteremo in Conferenza Stato-Regioni l’attenzione più ampia affinchè si possano ottenere misure adeguate".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Biglietto, prego": ma riceve un pugno in volto dal ragazzino: capotreno trasportato al Pronto Soccorso. Il violento in fuga
PerugiaToday è in caricamento