menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Botta e risposta, l'assessore Bertinelli vuole "dar lezioni" all'opposizione

Un lungo intervento quello del neo assessore Bertinelli che voluto rispondere alle critiche dell'opposizione apparse sui giornali in questi giorni

Pare che non sia piaciuto molto, all’assessore Bertinelli, l’attacco da parte del Pd apparso sui giornali in questi giorni. Durante, infatti, la seduta della Seconda Commissione consiliare, durante la quale è stato presentato il Bilancio preventivo, il neo assessore ha tenuto a mettere i puntini sulle i.

“In questi giorni – ha sottolineato Bertinelli facendo una valutazione generale della manovra - su diversi organi di stampa è stato scritto che, poiché la Giunta è riuscita a definire il Bilancio Preventivo 2014 (che, per il varo definitivo, approderà in Consiglio Comunale entro il mese di settembre) ciò starebbe a significare che nessun ‘buco di bilancio’ è stato lasciato in eredità dalla precedente amministrazione”. La Bertinelli ha quindi precisato che “in primo luogo vale la pena far presente che né il Sindaco né alcun componente della Giunta ha mai utilizzato il termine ‘buco di bilancio’, perché si tratta di un’espressione atecnica ed, in particolar modo, perché non è la fase di definizione del bilancio preventivo quella che consente di rilevare eventuali ‘squilibri e criticità strutturali’ attribuibili alle precedenti gestioni”.

Sempre l’Assessore in lungo intervento, precisa: “In fase di predisposizione del Bilancio Preventivo dell’Ente, l’attuale Giunta si è trovata a dover colmare uno squilibrio di parte corrente di circa 9,5 milioni. Questione per altro confermata anche dal precedente Assessore al Bilancio, professoressa Livia Mercati, in occasione di un’intervista rilasciata al quotidiano La Nazione il 2 agosto scorso Per quanto riguarda l’accertamento di eventuali situazioni di squilibrio ‘ereditate’ dalla/e precedente/i amministrazione/i, sarà necessario, una volta ultimato l’iter di approvazione del Bilancio di previsione per l’anno 2014, che l’attuale amministrazione effettui una ricognizione di alcune poste di bilancio con particolare riguardo ai Residui Attivi (che per l’Ente rappresentano crediti da incassare)”.

“Vale peraltro la pena – continua l’assessore - far presente che il Comune di Perugia dal 2011 sta utilizzando in maniera estremamente intensa la coseddetta anticipazione di tesoreria arrivata al 31 dicembre 2013, come mai accaduto in precedenza, con un saldo a debito, quindi non restituito, di oltre 22 milioni di euro. A mero titolo informativo si ritiene opportuno porre in evidenza che, per il solo esercizio 2014, il ricorso all’anticipazione finanziaria, in termini di oneri finanziari a carico del Comune, è stimato in circa 800-900 mila euro. Una delle motivazioni più frequenti che inducono all’utilizzo dell’anticipazione di tesoreria in maniera strutturale, è rappresentata dalla scarsa capacità dell’ente di incassare i crediti esposti nei Rendiconti annuali (bilanci annuali consuntivi) con conseguente disallineamento finanziario tra i tempi di incasso e le scadenze di pagamento della spesa (che hanno causato il suddetto indebitamento corrente). Ne’ sembra che fino ad ora siano state poste in essere significative misure correttive sul fronte del contenimento della spesa corrente”.

“Bisognerà quindi analizzare – dichiara la  Bertinelli, sempre in sede di Seconda Commisione - con estrema cura tutte le posizioni creditorie accumulate dall’ente nel corso degli anni ed ancora esposte in bilancio e rilevare tutte le eventuali situazioni di dubbia, impossibile o difficile esigibilità e, conseguentemente: valutare la correttezza delle motivazioni in funzione delle quali tali crediti (residui attivi) sono stati mantenuti nei conti annuali; valutare se il fondo svalutazione crediti tempo per tempo appostato sia stato effettivamente in grado di coprire le criticità derivanti da tale gestione.  In tale difficile contesto è stata improntata una manovra di bilancio 2014/2016 di estrema difficoltà, tenuto conto che 8 mesi dell’esercizio finanziario sono già decorsi”.
.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento