Cronaca

Beccato con mezzo chilo di droga alla stazione: "Sono un soldato, mi serve per superare i traumi della guerra"

Nigeriano richiedente asilo beccato con la marijuana nel borsone dalla Guardia di finanza e dalla Polizia appena sceso dal treno. Condannato a due anni e 4mila euro di multa. La droga era per uso personale quotidiano

Scende dal treno con mezzo chilo di marijuana nel borsone e incappa nei controlli di Guardia di finanza e Polizia alla stazione di Fontivegge nell’ambito dei servizi “scuole sicure”.

Un giovane nigeriano, richiedente asilo, nullafacente e nullatenente, è così stato arrestato e processato per direttissima per possesso di droga ai fini di spaccio (ad 8 euro a dose sul mercato avrebbe fruttato 4mila euro).

Il giudice Alberto Avenoso ha accolto la richiesta di patteggiamento avanzata dall’avvocato del giovane e lo ha condannato a 2 anni di reclusione e 4mila euro di multa, disponendo l’espulsione dal territorio nazionale.

Il giovane si è giustificato davanti al giudice sostenendo che la droga era tutta per lui perché in Nigeria era stato un guerriero e la marijuana gli serviva per combattere. Adesso, però, ha lasciato il suo Paese e la guerra perché stanco, ma la droga è una necessità per svolgere qualsiasi attività quotidiana. Senza fumare droga non può fare nulla.

Una spiegazione alla quale il giudice non ha dato molto credito.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beccato con mezzo chilo di droga alla stazione: "Sono un soldato, mi serve per superare i traumi della guerra"

PerugiaToday è in caricamento