menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marcia della Pace Perugia-Assisi 2011

Marcia della Pace Perugia-Assisi 2011

Aldo Capitini, la bandiera della Pace a Palazzo Priori

La bandiera della pace originale di Aldo Capitini, con i colori dell'arcobaleno, sarà custodita a Palazzo dei Priori, sede storica del comune della città di Perugia

L'originale bandiera della Pace di Aldo Capitini sarà custodita a Palazzo Priori a Perugia. Ricordiamo che è lo stesso drappo che fu confezionato per la prima edizione della Marcia Perugia–Assisi, nel 1961.

Capitini si ispirò alla bandiera dei pacifisti anglosassoni che nel 1958, guidati dal filosofo Bertrand Russell, marciarono per protestare contro la base nucleare di Aldermaston.Il filosofo della pace fece cucire insieme, da alcune amiche perugine, delle strisce colorate che rappresentavano l’iride e quella fu la bandiera che portò alla Marcia.

La bandiera è stata conservata fino ad oggi a Collevalenza, Todi, dal dott. Lanfranco Mencaroni, amico personale e collaboratore del filosofo pacifista, che oggi l’ha consegnata al sindaco perugino Wladimiro Boccali nel corso di una breve e informale cerimonia che si è svolta a Palazzo dei Priori. Un altro simbolo di Capitini, dopo l’ allestimento delle stanze a lui dedicate all’interno della Galleria Nazionale dell’Umbria, torna dunque a Palazzo dei Priori, dove Capitini nacque e si formò.

"Sono nato a Perugia – scrisse il filosofo della non violenza - il 23 dicembre 1899, in una casa nell’interno povera, ma in una posizione stupenda, perché sotto la torre campanaria del palazzo comunale, con la vista, sopra i tetti, della campagna e dell’orizzonte umbro, specialmente del monte di Assisi, di una bellezza ineffabile”.

La bandiera sarà esposta nella Galleria Nazionale, all’interno degli spazi a lui intitolati. Nel corso dell’incontro si è anche parlato di come diffondere la conoscenza della figura e dell’opera di Capitini, una personalità che, nonostante la sua importanza per tutta la cultura della pace europea, continua a essere poco familiare, soprattutto ai giovani.

Il primo cittadino ha assicurato il suo impegno in materia, ricordando che presto sarà disponibile la struttura di San Matteo degli Armeni, la cui vocazione sarà quella di un centro culturale e di studio per approfondire a livello internazionale i temi del dialogo interculturale e interreligioso. Lì sarà trasferita anche una parte della biblioteca di Capitini.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento