menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sessanta colpi in tre giorni e bottino da 150mila euro: banda di ladri sotto processo

I quattro erano stati individuati grazie alla triangolazione dei cellulari e del gps che avevano portato sui luoghi dei furti

Sessanta furti in tre giorni per una refurtiva di 150mila euro. È il resoconto dell’attività criminale di una banda di quattro albanese specializzati in furti in abitazione finiti sotto processo a Perugia.

I quattro albanesi, difesi dagli avvocati Donatella Panzarola, Nicola Barocci e Gianfranco Virzo, erano stati fermati dalla squadra mobile di Perugia dopo che avevano messo a segno 60 furti in 3 giorni (a febbraio del 2014). La polizia li aveva bloccati e sequestrato refurtiva per un valore di circa 150 mila euro: una pistola, tre autovetture (Audi, Bmw e Alfa Romeo), stereo, computer, televisione, profumi, occhiali, orologi, sciarpe, costose bottiglie di cognac. La polizia aveva trovato in un paio di appartamenti tra Ponte San Giovanni e Resina, alla periferia del capoluogo umbro, numerosi tagliandi “gratta e vinci” rubati un un bar di Recanati.

Secondo gli investigatori della sezione contro la criminalità diffusa e dell’antirapine della Squadra mobile i ladri entravano in azione nel tardo pomeriggio o di notte, svuotavano le case quando i proprietari non c’erano o dormivano. In un caso il proprietario si era svegliato e aveva reagito ed era stato picchiato. Così il furto si era trasformato in rapina. In un altro caso la banda si era allontanata dalla villa dove fare il colpo perché un bambino si era accorto della loro presenza.

Dopo i primi furti la Polizia aveva individuato, analizzando le celle telefoniche, la presenza di alcuni numeri di cellulare sospetti perché legati a pregiudicati. Incrociando i dati del gps e dei cellulari con la mappa dei furti gli agenti avevano ricostruito il percorso compiuto dalla banda. Per poi arrivare, con lo stesso sistema, al covo dei quattro, mettendo fine alle loro scorrerie.

La vicenda è stata ricostruita oggi in tribunale da testimoni e operanti delle forze dell’ordine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Giro d'Italia 2021, tre tappe in Provincia di Perugia: "Disagi alla viabilità ripagati dalla visibilità offerta al nostro territorio"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento