menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal Comune un aiuto alle famiglie, arriva il contributo badante: ecco chi può richiederlo

Il Comune mette a disposizione 240mila euro per aiutare le famiglie che devono pagare una o più assistenti familiari che si prendono cura di anziani ultrasessantacinquenni e adulti non autonomi

Un contributo una tantum di 700,00 euro a rimborso del costo sostenuto dalle famiglie per la retribuzione di uno o più assistenti familiari che si prendono cura di persone non autosufficienti, anziani ultrasessantacinquenni e adulti non autonomi.

E’ il contributo deciso, su proposta dell'assessore Cicchi, dall’Esecutivo di Palazzo dei Priori,  in qualità di capofila della Zona Sociale 2, per complessivi 240mila euro, a valere sul Fondo PRINA(piano regionale integrato per la non autosufficienza) 2015 per 190mila euro e sul cofinanziamento comunale per i restanti 50mila.

Obiettivo della misura –che si va ad aggiungere ad ulteriori interventi già attuati- è quello di potenziare la rete dei servizi a sostegno della domiciliarità, attraverso forme di assistenza indiretta.

“Il contributo –ha spiegato l’assessore alle politiche Sociali Edi Cicchi- vuole essere un aiuto alle famiglie che hanno una badante, in un periodo dell’anno, come quello di novembre/dicembre in cui le spese per l’assistenza, tra tredicesima e contributi, aumentano notevolmente. Si tratta –ha proseguito- di interventi sociali, che vanno ad allargare e differenziare l’offerta dei servizi a supporto della domiciliarità e della cura di persone anziane non autosufficienti, sostenendo le famiglie nel lavoro di cura con il  personale selezionato  dalle famiglie stesse.”

Destinatari del contributo una tantum saranno gli anziani ultrasessantacinquenni  e adulti non autonomi, residenti nel comune di Perugia (analoga misura vale anche per i Comuni di Corciano e Torgiano, nell’ambito della suddetta Zona sociale 2), in condizioni di non autosufficienza certificata per invalidità civile al 100%, con indennità di accompagnamento, che abbiano un ISEE di tipo socio-sanitario non superiore a 18mila euro. Requisito indispensabile anche la sottoscrizione di un contratto regolare di lavoro per almeno 30 ore settimanali con uno o più assistenti familiari, attivato da almeno 6 mesi consecutivi alla data di pubblicazione del bando. Per accedere al contributo si dovrà attendere l’uscita dell’avviso pubblico nei prossimi mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento