rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca

Spariscono 17mila euro dal conto dell'anziana assistita: badante sotto processo

Secondo l'accusa l'uomo che assisteva la donna avrebbe ritirato mensilmente una somma superiore a quella della pensione

Un 63enne peruviano, difeso dall’avvocato Gaetano Figoli, è accusato di circonvenzione di incapace per essersi impossessato di 17mila euro prelevandoli dal conto della persona assistita.

La Procura di Perugia contesta all’uomo di aver approfittato “dello stato di incapacità e comunque di deficienza psichica” di una signora “sua assistita in qualità di badante, al fine di procurarsi un ingiusto profitto” inducendola “a compiere vari prelievi di denaro allo sportello bancomat, sproporzionati rispetto alle esigenze di vita” dell’anziana di 88 anni “rispetto all’importo della pensione percepita pari a 1.244,64 euro mensili”.

Secondo l’accusa in quattro mesi, tra aprile e agosto del 2023, l’avrebbe indotta “ad effettuare 17 operazioni di prelievo per un totale di 17mila euro”.

Nel corso dell’udienza odierna davanti al giudice per l’udienza preliminare Margherita Amodeo è stata affidata una perizia per stabilire se la persona offesa è capace di testimoniare e se all’epoca dei fatti si trovasse in condizioni psicopatologiche che l’avevano resa suggestionabile o fosse stata “indotta ad atti contrari al suo interesse patrimoniale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spariscono 17mila euro dal conto dell'anziana assistita: badante sotto processo

PerugiaToday è in caricamento