rotate-mobile
Cronaca Magione

Magione, svuota il conto corrente all'anziana malata che assiste: badante sotto processo

Secondo l'accusa avrebbe preso il bancomat e in pochi giorni effettuato almeno dieci prelievi non autorizzati

L’atto di accusa riporta la violazione dell’articolo 493 del codice penale, cioè l’indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento diversi dai contanti. I fatti fanno riferimento a una badante accusata di aver sottratto denaro all’anziana che avrebbe dovuto assistere.

Secondo la Procura di Perugia la donna, una cinquantenne difesa dall’avvocato Pietro Gigliotti, “con più azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso”, avrebbe approfittato della signora 80enne che assisteva, “con riferimento all’età e alla situazione di salute della persona offesa”, cioè anziana e con patologie psichiatriche, “nonché abusando della relazione di prestazione d’opera in qualità di collaboratrice domestica”, utilizzando “indebitamente la tessera bancomat di proprietà dell’anziana datrice di lavoro operando plurimi prelievi di denaro dell’importo di 150 euro cadauno”.

Episodi avvenuti a Magione, per una decina di volte, tra il 14 e il 18 giugno del 2018.

L’imputata è finita, quindi, davanti al giudice monocratico del Tribunale penale di Perugia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Magione, svuota il conto corrente all'anziana malata che assiste: badante sotto processo

PerugiaToday è in caricamento