menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Badante a processo: per l’accusa aggredì violentemente un anziano di 87 anni

La vicenda è sbarcata in tribunale: l'uomo riportò un trauma cranico,ecchimosi ed una frattura al naso

E’ finita sotto accusa per maltrattamenti una badante che nel 2012 prestava servizio in casa di un anziano di 87 anni residente in una frazione del comune di Todi. Fu il figlio, quel tragico 15 ottobre 2012 ha ritrovare il familiare in casa praticamente esamine, a terra e con delle escoriazioni al volto. Trasportato all’ospedale ( dove fu ricoverato), gli fu diagnosticato un trauma cranico, ecchimosi, escoriazioni ed una frattura al naso. Dopo la sua dimissione, fu ancora trasportato dal 118 in ospedale per sottoporsi ad una nuova visita in quanto "non stava molto bene" e gli venne riscontrato un ematoma subdurale bilaterale, che secondo l’accusa sarebbe collegato al trauma di ottobre.

Picchia un'anziana con un pugno in faccia: badante finisce a processo

L’uomo, secondo quanto riferito oggi durante l’udienza al tribunale di Perugia dal medico di famiglia, era in buone condizioni fisiche, a parte una demenza di tipo degenerativo legata soprattutto all’età avanzata e perciò- a causa di queste problematiche di natura neurologica, qualche tempo prima fu disposto il sequestro dei fucili a scopo preventivo. Ma l’anziano, a parte qualche sbalzo d’umore, non avrebbe mai manifestato comportamenti aggressivi.

Casa lager, a "comandare" è la badante: botte e insulti all'anziana disabile

Secondo la difesa la badante sarebbe invece estranea ai fatti a lei imputati, affermando come l’uomo fosse caduto accidentalmente visto che le contusioni sarebbero potute essere riconducibili anche a questo. Insomma, è ancora tutto da dimostrare in questa vicenda, secondo quanto riferito dal figlio, il padre gli avrebbe confessato di aver ricevuto un paio di schiaffi, nulla più. Ora si tornerà nuovamente in aula il 3 luglio per ascoltare i testi del pm e cinque della difesa. Si dovrà ora accertare se la morte dell'uomo (avvenuta sei mesi dopo) sia riconducibile alle contusioni riportate e sel badante sia la responsabile. La donna è difesa dall'avvocato Patalini, la parte civile è rappresentata dal legale Gabriele Antonini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento