menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cosa chiedono gli italiani a Natale? Da un’indagine di “Baci Perugina” ecco la lista dei desideri

Condotta su circa 2500 italiani, uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 65 anni, con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) e su un panel di 30 esperti tra psichiatri e psicologi, per scoprire quali sono le emozioni che gli italiani vorrebbero rivivere in occasione del Natale

Un abbraccio, il calore della famiglia, il puro divertimento senza impegni. Un italiano su 2 sente la mancanza di queste emozioni nella vita di tutti i giorni e sperano che a Natale possano tornare a viverle. E’ quanto emerge da un’indagine di Baci Perugina in occasione del Natale e dell’iniziativa #regalaunemozione di cui l’istallazione Boule de Neige in centro a Milano è manifesto.

Condotta su circa 2500 italiani, uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 65 anni, con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) e su un panel di 30 esperti tra psichiatri e psicologi, attraverso un monitoraggio dei principali social network, forum, blog e community, per scoprire quali sono le emozioni che gli italiani vorrebbero rivivere in occasione del Natale.

Sempre tesi per il lavoro (86%) e la famiglia (75%), costantemente in ansia per le scadenze da portate a termine (81%) e attenti a proseguire per la propria strada senza farsi intralciare da altri (63%). Un italiano su 2 ammette di vivere la propria vita senza troppi slanci emotivi (52%), mostrando e ricevendo pochi gesti d’affetto da chi gli sta vicino (75%). Una vita apparentemente ‘arida’ causata da ritmi accelerati e tanti impegni da sbrigare. Arriva però un momento in cui l’allarme si fa sentire con maggiore forza e, in coincidenza con il Natale, 7 italiani su 10 chiedono di poter tornare a vivere la quotidianità con maggiore affetto ed emozioni (68%).

Per una volta quindi, pare che l’importanza del regalo materiale venga meno rispetto al desiderio, sempre più sentito, di essere ‘beneficiari’ di un sincero gesto d’affetto con cui riscaldarsi il cuore e lo spirito. Un abbraccio (54%), un bacio (46%), un sorriso amichevole da chi meno te lo aspetti (41%) o anche la sola presenza fisica delle persone care (40%): la lista dei desideri è composta da questi gesti con cui manifestare emozioni positive, come gioia (43%), amore (41%), divertimento (39%) all’insegna di un festeggiamento delle festività semplice ma sentito (76%).

A dimostrare quanto faccia bene tutto questo sono anche studi internazionali: come quello del Professor Kory Floyd dell’Hugh Downs School of Communication dell’Arizona State University che ha condotto un’analisi su 509 adulti studiando gli effetti della mancanza di affetto. I risultati? Le persone carenti d’affetto sono maggiormente soggette a infelicità, depressione e stress e in generale cattiva salute. La soluzione? Anche solo mettere giù il cellulare e condividere un momento affettuoso con qualcuno di persona è la migliore cura.

E se il lavoro e gli impegni famigliari pare essere la scusante principale, c’è chi ammette che a impedire di vivere le emozioni con intensità sia l’utilizzo massiccio di social network (28%). Postare foto e aggiungere ‘like’ a pensieri e frasi altrui, pare essere la soluzione più facile ma meno coinvolgente. “Non siamo social se stiamo sui social: quello è un palcoscenico per il nostro narcisismo e autocentratura. Non viviamo nulla di emozionante lì, ma subiamo la condivisione come must, come compulsione – afferma lo Psichiatra Michele Cucchi, Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano –. Per di più il mondo negli ultimi 15 anni ha fatto abbuffate e indigestione di consumismo e materialismo. Ora paghiamo un prezzo: ci sentiamo soli, confusi, spaventati e  ci mancano le capacità base per socializzare e trovare conforto nell'altro. E come se stessimo un po’ andando contro la nostra natura di animale sociale. Per questo a Natale è più evidente il bisogno di attenzioni e di emozioni. Sono le persone di una certa età che riescono a rendersene conto più facilmente perché hanno avuto tempo per disilludersi circa la mera felicità e gratificazione materiale. È importante trovare il tempo nella routine per ri-abituarci ad essere animali sociali: ascoltare l'altro autenticamente e attivamente è la parola chiave”.

E se gli esperti chiariscono che vivere senza emozioni genera ‘ansia’ (58%) e un forte stress (53%), anche gli italiani ammettono di sentire l’esigenza di riscoprire i propri sentimenti (47%) e vivere seguendo le proprie emozioni, senza soffocarle o reprimerle (39%). Per 8 esperti su 10 (79%) condivere emozioni aiuta a vivere meglio.

E proprio il Natale è il momento in cui pare che la maggior parte degli italiani desidera vivere tutto questo: il 45% sostiene che il periodo di festa permetta di vivere con minore frenesia, seguiti da coloro che pensano che sia questo il periodo dell’anno in cui sia più facile condividere sentimenti ed emozioni positive con i propri affetti (43%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento