menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aziende in guerra per un macchinario: ex dipendente finisce a processo

La vicenda finisce in tribunale, a processo un ex dipendente di una azienda emiliana che decise di mettersi in proprio e aprire una nuova società in Umbria

Appropriazione indebita. È questa l'ipotesi di  reato contestato a un ex dipendente di una azienda emiliana, finito a processo dopo la denuncia del suo titolare "per colpa" di un macchinario. I fatti risalgono al 2011, quando l’uomo, dipendente presso una ditta specializzata nella produzione di piattelli per il tiro a volo sportivo, decide di mettersi in proprio. E sceglie proprio la nostra regione per dar vita ad una nuova società utilizzando un particolare macchinario per la produzione.

Secondo i suoi ex titolari però, quel macchinario non doveva essere preso, e accusano così l'uomo di appropriazione indebita. Di tutt'altra versione la tesi difensiva che spiega che esiste un regolare contratto di comodato tra il proprietario del macchinario stesso e la ditta emiliana e quindi tutto si sarebbe svolto "senza ombre". Per l'imputato, difeso dall'avvocato Diego Lacchi, la vicenda non è destinata ancora a concludersi, si tornerà in tribunale il prossimo aprile con l'ascolto dei teste. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento