menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Indagine della Finanza in tutta Italia, marchi di pellet contraffatti: a processo azienda umbra

L'indagine da parte della Guardia di Finanza interessò una serie di attività commerciali in 14 regioni d'Italia

E’ partita a Gubbio nell’aprile del 2013, l’attività investigativa della Guardia di Finanza, allargatasi a macchia d’olio poi in altre regioni Italia, e che ha visto aziende di pellet al centro di un sequestro per contraffazione marchi. Una indagine volta non in violazione alle norme che tutelano il consumatore, ma a quella dei marchi certificati. In particolare, a finire sotto la lente della giustizia anche una azienda umbra (ora fallita) la cui vicenda è finita ancora oggi nelle aule del Tribunale di Perugia.

Sui sacchetti di pellet vennero infatti rintracciati dei marchi di certificazione di qualità, ma dalla documentazione prodotta, non comparivano licenze, nè autorizzazioni, nè sublicenze per l'uso degli stessi. In aula questa mattina è stato ascoltato anche un perito tecnico che analizzò i tre tipi di pellet sequestrati, per accertare che le caratteristiche chimico-fisiche non differissero dai parametri di qualità dei marchi apposti e delle normativa europee.

In particolare, intervenne anche l'Arpa che, attraverso delle analisi accertò la presenza di formaldeide, sostanza ritenuta cancerogena. Ulteriori analisi di laboratorio smentirono la sostanza cancerogena, ridotta ai minini termini consentiti per legge, ed individuò che le caretteristiche del pellet, il truciolato utlizzato da milioni di famiglie per scaldarsi, coincidevano con tutti i paramentri di qualità previsti dai marchi. Successivamente fu posto a dissequestro parte del materiale, perchè non fu accertata nessuna tossicità per il consumatore, ma la vicenda giudiziaria ancora non si è conclusa. "Questa non è una violazione ai danni della gente-spiega l'avvocato difensore Giuseppe Innamorati, e gli elementi giuridici per procedere sono insussistenti". Intanto si tornerà in aula il prossimo maggio, per la citazione dei teste del pubblico ministero. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento