rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Avis: l'importanza di donare sangue, ecco l'iniziativa del Comune di Perugia

Esponenti di Giunta e Consiglio comunale e del Cral dei dipendenti del Comune di Perugia, si daranno appuntamento giovedì 24 settembre per effettuare una donazione di sangue simbolo dell'impegno condiviso su questa importante tematica

Presente sul territorio umbro da quasi cinquant’anni, l’Avis, rappresenta un supporto fondamentale alla salute della collettività ed è una delle realtà più significative ed importanti della città.

Garante dell’universalità del diritto alla salute, l’Avis sostiene da sempre, grazie ad un capillare e significativo intervento di sostegno all’Ospedale di Perugia, condizioni di qualità e sicurezza della terapia trasfusionale, contribuendo a salvare molte vite umane. Ma i dati confermano come ci sia sempre maggiore necessità di donatori: al centro trasfusionale dell’Azienda ospedaliera di Perugia, nel 2014, le donazioni sono state 18.943 per un consumo, tuttavia, di 20.303 unità. Nel primo semestre del 2015, a fronte di un aumento delle donazioni, arrivate a quota 9.708, i consumi si sono attestati a 11.182.

Ed è per questo, che grazie alla settimana della donazione, in programma dal 20 al 26 settembre, alcuni esponenti di Giunta e Consiglio comunale e del Cral dei dipendenti del Comune di Perugia, si daranno appuntamento giovedì 24, presso il Servizio Trasfusionale dell’Azienda ospedaliera di Perugia, per effettuare una donazione simbolo dell’impegno condiviso su questa importante tematica.

L’ iniziativa, presentata stamane in conferenza stampa, è frutto di sinergie messe in campo dal Comune di Perugia ed Avis Umbria, in collaborazione con il Cral dei dipendenti del Comune e l’Azienda ospedaliera di Perugia, per sensibilizzare alla donazione del sangue. Un piccolo gesto che, oltre ad aiutare vite umane, salvaguarda la propria salute grazie ai controlli a cui il donatore è sottoposto.

 “Vogliamo manifestare – ha dichiarato il Presidente del Consiglio Comunale di Perugia Leonardo Varasano – il nostro impegno in prima persona. La donazione di sangue è un atto di solidarietà e senso civico, ma è anche importante per la salute di chi dona. Si tratta infatti di un modo per esercitare la prevenzione su se stessi. Per noi l’adesione a questa iniziativa ha inoltre un significato politico in senso lato ossia quello di dare il buon esempio alla civitas”.

Un impegno in prima linea volto ad una sensibilizzazione nei confronti di tutti, cittadini ed istituzioni, come spiega il vicesindaco di Perugia, Urbano Barelli – La donazione è un’iniziativa di grande senso civico e il senso civico è un elemento fondamentale per la coesione sociale, indispensabile oggi più che mai. Per questo non faremo di certo mancare la nostra vicinanza e collaborazione ad Avis”.

Fabrizio Rasimelli, Presidente dell’Avis di Perugia, tende a sottolineare come l’impegno della collettività sia fondamentale per la salute di tutti, incrementando quel 3% di popolazione nel Comune di Perugia già donatore.  Un gesto anonimo, gratuito, che oltre ad apportare benefici per la propria salute, può determinare la salvezza di molte persone. Importante, in questa iniziativa, la numerosa presenza del Cral dei dipendenti del Comune di Perugia, anche loro a fianco dell’Avis e dell’universalità del diritto alla salute, che, con un gesto simbolico e di esempio alla collettività, riunisce circa 100donatori periodici di sangue.

Una rete solidale che contribuisca a delineare il profilo di una regione che riconosca, nel mondo dell’associazionismo, un punto di riferimento importante per i cittadini, incentivando una maggiore attenzione alla qualità della propria vita e del bene collettivo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Avis: l'importanza di donare sangue, ecco l'iniziativa del Comune di Perugia

PerugiaToday è in caricamento