menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E45 trasformata in autostrada: nella peggiore delle ipotesi tariffe agevolate per gli umbri

Inviata a Roma da parte della Regione dell'Umbria la richiesta ufficiale dell'esenzione totale del pedaggio. La conferma dell'assessore Rometti. Ma c'è anche un piano "b" per salvare il salvabile ed evitare un no secco dal Governo

 Al Ministero delle Infrastrutture la Giunta regionale ha inviato la richiesta ufficiale per l'esenzione totale per tutti gli umbri dal pedaggio che diventerà obbligatorio dopo la trasformazione in autostrada della E/45. Il tutto ovviamente dopo il "restauro" per renderla più funzionale e più in sicurezza. La richiesta ufficiale è stata annunciata dall'assessore Silvano Rometti rispondendo ad alcuni quesiti avanzati dal capogruppo di Fratelli d'Italia, Franco Zaffini.  C'è anche una seconda proposta in caso la prima non venisse accettata: l'adozione di forme di pedaggiamento con le più ampie agevolazioni possibili.

Il progetto della E45 autostrada, che è stato presentato da Anas nel giugno 2009 al ministero delle Infrastrutture e che ha recentemente ottenuto il via libera dal Cipe, prevede l'adozione di un sistema di pedaggiamento senza caselli e con la previsione di sole due barriere ad Orte e Mestre, necessarie per gli innesti sulle autostrade A1 e A4. Sono previsti invece 170 portali Mlff (Multi lane free flow), sostanzialmente 'occhi elettronici' per registrare passaggi e inviare il biglietto da pagare.
  
"La Regione - ha aggiunto l'assessore Rometti in aula - si è sempre impegnata al massimo degli sforzi per il buon esito del progetto, raccomandandosi, nel contesto della realizzazione dell'opera, di dare priorità alla realizzazione (tratto Nord-Sud) del Nodo di Perugia nella parte riguardante la variante alla E45 tra Madonna del Piano e lo svincolo di Collestrada".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento