menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al posto dei gioielli c’è la droga, dalla cassaforte spunta quasi un chilo di eroina: assolta

La donna era stata arrestata insieme alla madre dopo che in casa furono ritrovati, occultati dentro la cassaforte, 819 grammi di eroina. La pena passa da quattro anni a 1 anno e sei mesi

Rimessa in libertà la giovane imputata di origini ungheresi condannata  con rito abbreviato in primo grado a quattro anni di reclusione per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti dopo che in casa furono  ritrovati 819.28 grammi di eroina nascosti all'interno di una cassaforte in camera da letto, 0,26 grammi di cocaina in un portafoglio e sostanze da taglio .

E’ quanto stabilito questa mattina dalla Corte d’Appello di Perugia, che ha ribaltato la sentenza di primo grado  stabilendo per l’imputata una condanna a un anno e sei mesi per il reato di cessione  di modiche quantità di droga, e assolvendola per il reato di detenzione ai fini di spaccio dell’eroina ritrovata all’interno della cassaforte. In attesa della condanna definitiva, la giovane stava scontando la sua pena agli arresti domiciliari.

La donna (difesa dall’avvocato Vincenzo Bochicchio) era stata arrestata in flagranza e finita sotto accusa per la detenzione di quasi un chilo di eroina ritrovata nell'appartamento che condivideva con la madre, nonchè di numerosi episodi di cessione di droga. Dal 2013 al 2016, avrebbe venduto eroina (dietro un corrispettivo di 50 euro al grammo) in più di un'occasione, ad almeno sei acquirenti a Perugia,alcuni dei quali clienti abituè della giovane.  A finire nei guai anche la madre, la cui misura cautelare era stata in seguito revocata.

All’imputata in primo grado furono riconosciute le attenuanti generiche in quanto fino ad allora non aveva mai avuto un precedente di polizia, e il suo coinvolgimento nei traffici illeciti, fu – per i giudici – conseguenza del suo legame con uno spacciatore magrebino, in seguito arrestato. Di quella cassaforte all'interno della camera da letto in cui aveva vissuto insieme al compagno, non furono mai ritrovate le chiavi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento