menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I furbetti della evasione ora dovranno pagare: 2500 operazioni in nero, contabilità in nero

Scoprire l’esistenza di una contabilità parallela a quella ufficiale

La Tenenza della Guardia di Finanza di Assisi ha concluso un’importante indagine che ha consentito di portare alla luce una evasione fiscale da pèarte di una ditta operante nel settore della cosmesi. Il sofisticato impianto di occultamento dei redditi prodotti è stato scoperto grazie all’acquisizione, a seguito di ricerche documentali, di dati ed elementi che hanno consentito di scoprire l’esistenza di una contabilità parallela a quella ufficiale.

Alla regolare tenuta della contabilità, infatti, si affiancava un archivio di dati, sviluppato da un innovativo software del tutto autonomo ed indipendente, tecnologicamente occultato nel sistema informatico, protetto da altri file che non permettevano di individuarne il contenuto, anel quale erano conservate tutte le  compravendite in nero.

L’attività, che ha condotto a rilevare circa 2.500 operazioni “non fatturate”, si è conclusa con la constatazione di più di 300 mila euro di base imponibile da recuperare a tassazione e violazioni complessive all’I.V.A. per oltre 100 mila euro. E’ stata interessata l’Agenzia delle Entrate per l’avvio delle procedure di accertamento edi recupero delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto evase.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento