Cronaca

Furti, rapine, ricettazioni e violenze: era diventato l'incubo di Assisi, Bastia e Perugia

Super lavoro in queste ore sia per i Carabinieri che per l'Ufficio Immigrazione della Questura: dopo l'espulsione di un rapinatore marocchino, residente a Castiglione del Lago, stessa sorta è toccata ad un altro straniero, ma stavolta albanese, considerato molto pericoloso per la sicurezza e l'ordine pubblico. Il biglietto di solo andata per Tirana è stato destinato a G.A., in Italia dal 2009 ed in possesso di regolare permesso di soggiorno rilasciato dalla Questura di Perugia per motivi familiari.

Lo straniero è stato un vero tormento per le forze dell'ordine e per le famiglie umbre: infatti si è reso responsabile di numerosi reati quali furti, rapine, ricettazione e violenze, commessi a Perugia, Assisi e Bastia Umbra. Prima di essere espulso era stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale della P.S. e messo al bando per tre anni dal comune di Bastia Umbra. L'albanese, prima del rimpatrio, è stato rintracciato nella mattinata da militari dell’Arma dei Carabinieri della Compagnia di Assisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti, rapine, ricettazioni e violenze: era diventato l'incubo di Assisi, Bastia e Perugia

PerugiaToday è in caricamento