Assisi, sorvegliato speciale evade dai domiciliari per andare al bar: arrestato

Ventiseienne magrebino rinchiuso in carcere: da anni era sottoposto alla sorveglianza speciale per furti e spaccio

Lo hanno trovato al bar, ma doveva essere a casa, agli arresti domiciliari. I carabinieri di Assisi hanno arrestato un 26enne di origini magrebine, sorvegliato speciale, in esecuzione di un provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale di Perugia.

Il giovane era agli arresti domiciliari ad Assisi perché nelle settimane scorse era già stato arrestato, in flagranza di reato e sempre dai carabinieri, che lo avevano sorpreso fuori dalla propria abitazione, di notte e fuori dagli orari consentiti dalla Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza, a cui era sottoposto da alcuni anni, a causa dei suoi numerosissimi precedenti penali per furti e spaccio di sostanze stupefacenti. 

Nella notte di sabato il 26enne è stato rintracciato all’interno di un bar della centralissima Piazza del Comune di Assisi. Doveva essere a casa.

L’Autorità Giudiziaria ha immediatamente revocato i domiciliari disponendo per il giovane sorvegliato speciale l’applicazione della custodia in carcere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Dramma in via Canali, donna di 49 anni trovata morta in un parcheggio

  • Incidente lungo la E45, 23enne in gravissime condizioni: è in prognosi riservata

  • Perde il controllo del ciclomotore e finisce a terra, muore a 43 anni

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

Torna su
PerugiaToday è in caricamento