rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Cronaca

Alunno bocciato fa ricorso al Tar, ma la causa verrà discussa dopo l'inizio del nuovo anno scolastico

Secondo i genitori dello studente il verbale d'esame sarebbe contraddittorio in quanto il giovane sarebbe idoneo a passare alla classe successiva, ma bocciato ugualmente

“Mio figlio bocciato perché non pronto alla classe successiva, ma per la commissione di docenti sarebbe comunque idoneo a frequentare la classe successiva” approfondendo alcune conoscenze. È un paradosso, come per “Comma 22”, sul quale è chiamato a decidere il Tribunale amministrativo regionale dell’Umbria. Anche se lo farà ad anno scolastico iniziato.

A presentare ricorso è stata la mamma dell’alunno che chiama in causa il Ministero dell'Istruzione, l’Assisi International School e l’Ufficio Scolastico Regionale Umbria, chiedendo l'annullamento del verbale “di valutazione finale degli esami di idoneità alla classe seconda degli istituti secondari di primo grado del 21.06.2022 , inviato in data 28.06.2022, laddove la Commissione nominata dal Dirigente scolastico, nella parte dedicata al giudizio finale prevedeva per l’alunno …: il candidato risulta NON idoneo a frequentare la classe terza degli istituti secondari di primo grado, specificando tuttavia, poi, nelle annotazioni finali, la seguente dicitura: la commissione in base agli esiti delle prove d’esame stabilisce che il candidato … pur essendo risultato idoneo a frequentare la classe successiva deve consolidare…” .

Verbale che risulterebbe “contraddittorio nel giudizio finale in relazione all’idoneità o meno del candidato all’ammissione alla classe successiva, precisando nelle Annotazioni finali del medesimo verbale che il candidato deve consolidare … l’autonomia nel riferire gli argomenti così come le proprietà di linguaggio specifiche per ogni disciplina. Deve consolidare gli argomenti aritmetici (frazioni) e geometria (teorema di Pitagora, triangoli rettangoli). Deve ripassare l’uso del passato e del futuro in inglese”.

Nel ricorso si chiede anche “l’ammissione con riserva alla classe successiva, atteso l’imminente inizio del nuovo anno scolastico”, ma per i giudici amministrativi “tale ammissione è comunque subordinata ad un eventuale esito positivo del riesame che il Collegio ritenesse di dover ordinare nella prima camera di consiglio”. Per questo è stata respinta la domanda di misura cautelare monocratica e fissata la trattazione collegiale ad anno scolastico già iniziato, cioè il 20 settembre 2022.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alunno bocciato fa ricorso al Tar, ma la causa verrà discussa dopo l'inizio del nuovo anno scolastico

PerugiaToday è in caricamento