Arte rubata, anche la Madonna di Pinturicchio nei beni recuperati dai Carabinieri del nucleo Tutela patrimonio culturale

Tolti dal mercato 35 dipinti di Modigliani ritenuti falsi e indagate tre persone e Spoleto

I Carabinieri del Nucleo patrimonio culturale, nel 2019, hanno recuperato 902.804 beni trafugati dall’Italia. Opere sparite da musei, case private, scavate illegalmente, fino a dipinti finiti in Germania durante la Seconda guerra mondiale e mai tornati nel Belpaese.

La maggior parte dei recuperi del 2019 riguarda il settore antiquariale, archivistico e librario (857.003); a seguire i reperti archeologici, paleontologici e numismatici provenienti da scavi clandestini (45.801). Sono 1.083 le opere sequestrate: falsi di arte contemporanea - ma non solo - che, se immessi sul mercato, avrebbero fruttato alle organizzazioni criminali quasi 200 milioni di euro.

Fra le opere più importanti tornate a casa una Madonna del Pinturicchio, rubata negli anni Novanta dall'abitazione di un collezionista perugino, è stata individuata dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Perugia nel catalogo di una nota casa d’aste londinese e recuperata. Una volta rientrata in Italia e prima di tornare in possesso del proprietario, l’opera è stata esposta alla Galleria nazionale dell'Umbria.

Tra i dipinti di sospetta falsità tolti dal mercato spiccano 35 dipinti attribuiti a Modigliani sui quali è in corso un’indagine della Procura di Spoleto. Secondo gli investigatori proprio a Spoleto sarebbe avvenuta la falsificazione di opere d’arte con la partecipazione di tre persone, attualmente indagate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A livello nazionale si registra una diminuzione del 27,2% i furti in genere, che sono 345 a fronte dei 474 del 2018. Anche più sensibile il calo di quelli in danno della collettività: in archivi - 50% (da 16 a 8), biblioteche - 42,8 % (da 21 a 12), luoghi di culto - 35,4% (da 209 a 135), musei - 33,3% (da 21 a 14). Al contrario, sono aumentati i risultati delle indagini e dei controlli in ambito nazionale: gli arresti e le denunce, le associazioni per delinquere perseguite, le sanzioni amministrative a salvaguardia del paesaggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Umbria, incidente lungo la E45: muore motociclista, strada chiusa al traffico

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Ospedale di Perugia, tre infermieri e due pazienti positivi al coronavirus: asintomatici e in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento