menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo un anno di carcere lo stalker non perde il vizio: minacce all'ex moglie e ad un altro uomo

Per quattro giorni e quattro notti l'uomo è riuscito a fuggire alle ricerche grazie ad una rete di conoscenti e alla sua capacità di sottrarsi alla giustizia. Ma poi il blitz in una casa di Ponte Felcino

Uno stalker pericoloso, violento e che nonostante un anno di carcere già scontato a Capanne non aveva voluto fermare la sua follia. Anzi era tornato più aggressivo e più minaccioso che mai contro l'ex moglie e soprattutto contro un uomo che riteneva essere la presunta causa della fine della sua relazione.

Lo stalker, residente in un comune del Trasimeno ma perugino di nascita, aveva ricominciato e pedinare l'ex moglie, ad attenderla all’uscita del posto di lavoro, appostandosi per vederla alla fine del turno e seguendola in auto; le ha sostanzialmente impedito di svolgere serenamente le proprie attività quotidiane e ingenerando in lei una grande paura anche dopo i trascorsi e l'anno passato in carcere.

Da qui le nuove denunce fatte in Questura. Verificati tutti i fatti, gli agenti della Squadra Mobile hanno iniziato le ricerche dello stalker che si era dato alla macchia per non essere preso. Ci sono voluti 5 giorni per identificare la casa dove si era rifugiato. Il blitz è scattato questa notte a Ponte Felcino dove era ospite di un amico ignaro della situazione. Lo stalker è stato portato direttamente a Capanne. Per la seconda volta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento