menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rissa con un cliente a colpi di cacciavite: arrestata coppia di spacciatori insospettabili

Beccati in via Gallenga nel cuore della notte: la lite durante la vendita di una dose di cocaina

Dalla lite con un cliente alle manette della polizia di Perugia il passo è stato breve. Nella notte tra martedì e mercoledì 26 ottobre gli agenti hanno arrestato due cittadini albanesi, un uomo ed una donna, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in via Gallenga. Spacciatori e “insospettabili”, secondo la definizione della Questura di Perugia.

La ricostruzione – Poco dopo la mezzanotte la lite tra due uomini e una donna ha messo in allarme una pattuglia della Volante. Gli agenti sono intervenuti per calmare gli animi. “Uno dei due uomini e la donna – spiega la Questura - , appena resisi conto della presenza della pattuglia che si dirigeva verso di loro, tentavano di disfarsi di quello che detenevano, buttando tutto in una siepe lì vicino”. I poliziotti non si fanno fregare e trovano un piccolo involucro di cellophane bianco con dentro 11 grammi di cocaina, un cacciavite e un telefono cellulare. Recuperati gli oggetti, i tre vengono identificati: l’uomo e la donna cittadini albanesi, incensurati, e l’altro un cittadino tunisino. Secondo la ricostruzione della polizia “il tunisino, tossicodipendente, stava trattando con la donna l’acquisto di una dose di cocaina. Appena ha visto che lei aveva addosso un involucro più grande tentava di appropriarsene; a quel punto sarebbe intervenuto, impugnando un cacciavite, l’altro uomo, complice della spacciatrice e che supervisionava la compravendita”. Così è finita in rissa.

Durante la perquisizione dei due sono saltate fuori delle chiavi. La casa è stata individuata poco dopo. La perquisizione dell’appartamento ha portato al ritrovamento di quasi 6 grammi di cocaina confezionati con cellophane del medesimo tipo di quello trovato nella siepe e di materiale per il confezionamento. L’uomo, del ’82 e la donna, del ‘85 albanesi, sono stati arrestati e condotti in carcere. “Erano entrambi regolarmente presenti sul territorio nazionale e incensurati - spiega la Questura - e domiciliati in un appartamento di Largo Madonna Alta”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento