menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Picchia la moglie e i figli: il giudice non ci pensa due volte... stavolta finisce in carcere

Troppo alto il rischio che potesse di nuovo tornare a prendersela con la sua famiglia ormai terrorizzata dopo mesi e anni di violenza. Il perugino - 42 anni - l'ultima volta aveva perso la testa dopo che la moglie aveva risposto ad alcuni messaggi tramite chat

Troppo pericoloso per essere lasciato a piede libero. Troppo violento e geloso per cambiare anche dopo una denuncia avvenuta poche settimane fa dopo aver di nuovo picchiato figli e moglie. E così il Pm ha deciso di spedirlo in Carcere. La Squadra Mobile lo ha prelevato il 24 dicembre, la vigilia di natale, per portarlo a Capanne. Troppo alto il rischio che potesse di nuovo tornare a prendersela con la sua famiglia ormai terrorizzata dopo mesi e anni di violenza. Il perugino - 42 anni - l'ultima volta aveva perso la testa dopo che la moglie aveva risposto ad alcuni messaggi tramite chat.

Neppure l’intervento dei figli minori della coppia era servito a placarlo; al contrario, lui si era scagliato contro la moglie, schiaffeggiandola e colpendola alla spalla. La scena aveva impressionato a tal punto i due minori che gli stessi avevano tentato in tutti i modi di difendere la madre, frapponendosi tra lei e il padre; tuttavia, anche loro erano stati colpiti e strattonati dal marito furioso.

Gli uomini della Volante avevano fatto intervenire personale del 118 affinché  fossero praticate le cure del caso alla donna e ai due ragazzi. I successivi approfondimenti investigativi della Squadra Mobile hanno permesso  di accertare che l’episodio descritto era stato solo l’ultimo di una lunga serie di scenate di gelosia e violenze fisiche e psicologiche perpetrate dal 42enne nei confronti della moglie e dei due figli minori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento