menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Era l'incubo di commercianti e commessi, furti in serie in centro e in via Settevalli: ladro catturato e spedito in carcere

L'uomo era ricercato. Rintracciato a Fontivegge, gli agenti della Mobile hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei suoi confronti

Catturato e spedito in carcere ladro seriale. Già ricercato in quanto destinatario di una custodia cautelare in carcere, è stato rintracciato dagli agenti della squadra mobile a Fontivegge. Secondo le indagini sarebbe lui il responsabile di ben cinque furti commessi nell’arco di pochi mesi in alcuni negozi ed esercizi commerciali di Perugia.

Il ladro, un cittadino palestinese di 31 anni, avrebbe infatti agito con lo stesso modus operandi: prima si introduceva nei negozi e poi, approfittando di un momento di distrazione dei commessi, rubava gli oggetti di valore lasciati sui banconi. Ma non finisce qui perché di soppiatto avrebbe anche fatto “visita” nei magazzini o nelle stanze riservate al personale dipendente per impossessarsi di denaro contante, carte di credito o telefoni cellulari.

Con questa tecnica, avrebbe colpito sia in esercizi commerciali del centro storico che in negozi lungo Via Settevalli, diventando in breve tempo l’incubo di commessi e commercianti per furti di smartphone, computer portatili, tessere bancomat e carte di credito, oltre naturalmente a diverse centinaia di euro in contanti.

Grazie anche al supporto delle immagini della videosorveglianza dei locali colpiti, è stato rintracciato ed arrestato. Gli elementi raccolti hanno consentito al gip del tribunale di Perugia, di emettere ordinanza di misura restrittiva in carcere per i reati di furto aggravato e di indebito utilizzo di carte di credito, alla quale i poliziotti hanno dato esecuzione. Ma dato che l’indagato, già gravato dall’obbligo di firma, aveva violato le prescrizioni, quando gli agenti della Mobile lo hanno rintracciato gli hanno notificato una seconda ordinanza di custodia cautelare in carcere. Una misura, questa, aggravata dal fatto che non aveva rispettato gli obblighi imposti nei sui confronti. L’obbligo di firma si era reso necessario sempre per furti consumati nei negozi.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento