menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'allegro coltivatore finisce arrestato: in casa la serra di marijuana, 30enne condannato

Blitz dei Finanzieri di Perugia in una casa nelle vicinanze dello stadio. E salta fuori una serra artigianale per la coltivazione di marijuana

Si chiama operazione Pollice Verde. Senza ironia. Blitz dei Finanzieri di Perugia in una casa nelle vicinanze dello stadio comunale di Città di Castello. E salta fuori una serra artigianale per la coltivazione di marijuana. Così le Fiamme Gialle hanno arrestato un trentenne con il pollice verde, accusato del reato di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Per non farsi scoprire, il “coltivatore diretto” aveva creato nel giardino una struttura in legno, con all’interno una stanza chiusa dove era stata allestita una vera e propria serra “indoor” per la coltivazione della ganja: sfruttando speciali attrezzature per il controllo dei cicli dell’irraggiamento, dell’umidità e dell’areazione, costituiti da timer, lampade riscaldanti Uva/Uvb, igrometri e ventilazione forzata, l’arrestato si prendeva cura di 21 piante di marijuana in perfetto stato di fioritura, pronte per essere essiccate ed utilizzate. 

All’interno dell’appartamento, i Finanzieri hanno rinvenuto anche un bilancino di precisione, tre etti di marijuana già pronta per il consumo ed altre piante sistemate su dei comuni stendini per la fase finale dell’essicazione.  Lo spacciatore, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato condotto davanti al Giudice per il rito della “direttissima” ed è stato condannato alla pena di 10 mesi e venti giorni di reclusione e 2.600 euro di multa, con il beneficio della pena sospesa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento