Cronaca

Fermate per un normale controllo dai carabinieri: due donne finiscono in carcere

Arrestate due ladre professioniste: erano ricercate per furti a Firenze, Teramo e Avezzano

I carabinieri di Perugia, durante un normale posto di blocco, hanno fermato un'auto con a bordo due donne. Fino a qui nulla di strano. La sorpresa arriva dal controllo alla banca dati dell'Arma. Le due hanno svariati precedenti di polizia per reati contro il patrimonio. A quel punto le due donne, entrambe di etnia slava e senza fissa dimora, vengono fermate e accompagnate in caserma per ulteriori accertamenti.

“Qui – spiegano i carabinieri di Perugia - ogni dubbio veniva superato: infatti a loro carico pendevano diversi provvedimenti restrittivi dell’Autorità giudiziarie di Firenze, Teramo e Avezzano. La prima, una 26enne, doveva scontare 4 anni e 11 mesi di carcere poichè ritenuta responsabile dal Tribunale di Avezzano di svariati furti commessi nel 2013; la seconda, una 27enne, doveva scontare addirittura 7 anni e 9 mesi poiché ritenuta responsabile, dal tribunale di Firenze, di alcuni furti avvenuti nel 2015, con in carico anche un’ordinanza di carcerazione del Tribunale di Teramo per delle violazioni avvenute mentre era sottoposta gli arresti domiciliari a Giulianova”.
In una sola parola: arrestate. Le due donne, definite dai carabinieri "professioniste del furto", dopo le formalità di rito sono state rinchiuse nel carcere perugino di Capanne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermate per un normale controllo dai carabinieri: due donne finiscono in carcere

PerugiaToday è in caricamento