Minorenni assoldati e pagati per rapinare due ragazze, 'banda' in manette

I cinque arrestati sono un albanese 25enne, ritenuto il capo e l’ideatore della rapina, nonché il reclutatore dei quattro minorenni promettendo un premio di 50 euro a testa

La squadra mobile e l’ufficio Volanti della Questura di Perugia hanno chiuso le indagini a carico di un gruppo di cinque persone che avrebbero compiuto una rapina a dannno di due ragazze rumene il 28 luglio scorso. 

Dall'incontro virtuale all'incubo: rapinate in casa, nella banda anche due minorenni

Dopo aver arrestato tre dei partecipanti alla rapina poche ore dopo i fatti, la Polizia ha rintracciato i due che erano sfuggiti all’arresto. I cinque arrestati sono un albanese 25enne, ritenuto il capo e l’ideatore della rapina, nonché il reclutatore dei quattro minorenni promettendo un premio di 50 euro a testa.

L’operazione è scattata il 28 luglio quando la centrale operativa ha ricevuto una telefonata di una donna che chiedeva aiuto per conto di un’amica che non rispondeva al telefono. Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno trovato due ragazze rumene in lacrime e ferite (lesioni giudicate guaribili al Pronto soccorso in 8 e 5 giorni). Dal racconto delle vittime gli agenti hanno ricostruito la vicenda: un uomo le aveva contattate tramite un sito di incontri, si era presentato a casa e poi era andato via. Salvo ritornare poco dopo affermando di aver dimenticato qualcosa. Le ragazze lo facevano rientrare e insieme al 25enne entravano anche i quattro minori. Tutti partecipavano all’aggressione e alla rapina di 620 euro, un personal computer e due borse.

I cinque fuggivano, ma gli agenti li rintracciavano seduti ad un bar a Madonna Alta. All’arrivo degli agenti due riuscivano a fuggire, mentre il 25enne albanese e tre minorenni venivano fermati. Il maggiorenne è stato arrestato e portato a Capanne, mentre i due minori sono stati affidati ad una comunità.

Dall’analisi delle telecamere, delle testimonianze delle vittime e di alcuni testimoni, gli investigatori si rendevano conto che anche i due fuggiaschi erano minori, così sono andati a scandagliare i social e li hanno trovati. Stamattina sono stati fermati e portati in comunità. I quattro minori hanno meno di 16 anni, sono cittadini italiani di seconda generazione e non hanno precedenti di polizia (tranne per uno che ha a a carico un episodio di lite con coetanei).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Ricerche sul monte Serrasanta a Gualdo Tadino, trovato il corpo del 40nne

  • Il Comune di Perugia assume personale, il bando e la scadenza

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

Torna su
PerugiaToday è in caricamento