menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti con scasso da Perugia a Foligno, presi i predoni dei garage rubavano di tutto, anche le scorte di cibo

I due sono stati fermati qualche giorno fa in via Campo di Marte. Il gip ha convalidato il fermo e disposto per i due indagati la custodia cautelare in carcere

Presi i due predoni dei garage. Il gip Valerio D’Andria ha disposto per i due indagati la misura della custodia cautelare del carcere, dopo il fermo di polizia giudiziaria avvenuto qualche giorno fa in via Campo di Marte. I due, secondo le indagini, avrebbero colpito varie zone non solo di Perugia, ma anche di Foligno, Assisi, Bastia Umbra, in un periodo che va da settembre a ottobre 2017: proprio nell’apice delle tante denunce sporte dai cittadini.

I ladri non si accontentano più di svaligiare solo le case, raid nei garage: le denunce corrono via social

I due indagati avrebbero agito sempre con lo stesso modus operandi: prima avrebbero praticato un foro e danneggiato il basculato del garage, poi, una volta dentro, fatto razzia di ogni sorta di bene, anche cibo, conserve di vino e olio, biciclette e attrezzi da lavoro. I furti sarebbero stati compiuti utilizzando due auto, anche queste provento di furto. Una decina i colpi, quelli messi a segno o tentati (per cause indipendenti dalla loro volontà) ai danni di garage a Perugia e provincia, nel folignate e in altri comuni dell’Umbria: dal riconoscimento delle auto e grazie alle tecniche investigative della pg, tra cui gps e intercettazioni telefoniche,  i due giovani ladri sono stati fermati a Perugia mentre erano a bordo di una delle auto con la quale avrebbero commesso i furti.

All'interno sono state ritrovate tenaglie, ricetrasmittenti e le chiavi di accensione dell'altra auto utilizzata dai due. All'interno di quest'ultima e anche nei garage in uso ai due, altro materiale provento di furto. Alla vista degli agenti, hanno tentato di darsi alla fuga, senza esito.  Il gip ha convalidato il fermo e disposto per i due indagati - difesi dagli avvocati Cristian Giorni, Gemma Bracco e Giacomo Manduca - la misura della custodia in carcere a disposizione dell'autorità giudiziaria. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento