menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresti per 'Ndrangheta, Antonio Ribecco, ex candidato a sindaco Casapound: "Non sono indagato, ora querelo"

L'esponente di Casapound finito sotto la luce dei riflettori, nonostante non sia indagato, a causa di alcune intercettazione degli 'ndranghetisti in salsa perugina. La sua versione e la difesa di Casapound

Antonio Ribecco, ex candidato a sindaco ed esponente perugino di Casapound, non è indagato ma per via di alcune intercettazioni a riguardo dello smantellamento di una cosca perugina legata dai clan della 'Ndrangheta è finito al centro del dibattito mediatico con tanto di articoli sui media nazionali. Ambienti calabresi - estranei al suo modo di agire - hanno parlato di lui a riguardo del suo impegno politico in città. Gli stessi personaggi che hanno dichiarato di aver nel 2014 fatto votare l'ex vice sindaco Nilo Arcudi - che ha smentito qualsiasi legame e anche lui non indagato - e l'ex consigliere comunale del Pd Alessandra Vezzosi (anche lei non indagata ed ha respinto qualsiasi sospetto e legame). Antonio Ribecco ha rigettato qualsiasi accostamento agli arresti dei giorni scorsi ed ha difeso a spada tratta il suo movimento Casapound puntando il dito verso chi lo avrebbe tirato in ballo per ragioni politiche.  

“Non esiste nessuna indagine a mio carico, né a carico del movimento che rappresento a livello provinciale, e siamo pronti a querelare chiunque faccia indebiti accostamenti. Tutte le ricostruzioni sulla recente operazione antimafia condotta sul territorio, hanno unanimemente certificato la totale estraneità mia e del movimento agli illeciti ascritti ad arrestati e indagati. Dalle intercettazioni, al contrario, emerge che Casapound risulta essere, agli occhi di chi oggi è chiamato a rispondere di crimini di mafia, al di fuori dei soggetti da prendere in considerazione per un appoggio elettorale. Davanti a tali evidenze, pure desumibili leggendo con attenzione gli articoli pubblicati, però, molti hanno ritenuto di manipolare la realtà con titoli fuorvianti e accostamenti che ledono l’onorabilità del nome mio e di Casapound e, di questo comportamento, saranno chiamati a rispondere in tribunale”. 

“Evidentemente - conclude Ribecco- il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Dopo i processi mediatici di Ostia, cui non ha seguito nemmeno un atto giudiziario, e quelli penali di Napoli, conclusisi, dopo anni e centinaia di migliaia di euro dei contribuenti, con la totale assoluzione ‘perché il fatto non sussiste’, ora si prova a ricreare a Perugia lo stesso clima intimidatorio nei nostri confronti. Ebbene, sappiano questi signori della stampa, che noi non ci faremo intimidire dalle loro menzogne”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento