Minorenne denuncia: "Ha tentato di violentarmi", blitz dei carabinieri in uno stabile abbandonato

In manette 29enne. Alla vista dei militari avrebbe reagito tagliandosi con il vetro di una bottiglia, per poi minacciarli

Immagine d'archivio

E' un giovane non ancora maggiorenne a segnalare al 112 di essere stato vittima di una tentata violenza sessuale all'interno di un edificio abbandonato, non molto lontano dalla stazione. E sono gli stessi carabinieri della compagnia di Perugia a soprendere il presunto aggressore, insieme ad altre quattro persone, dormire ancora all'interno dello stabile segnalato dal giovanissimo.

Siamo al 30 ottobre quando i militari lo arrestano, non prima di essere stati minacciati dallo stesso che si sarebbe ferito con una bottiglia di vetro per poi minacciare i carabinieri, tanto da procurare lesioni, fortunatamente lievi, a uno dei militari. Il giovane che ha denunciato l'aggressione, anche lui gravato da precedenti, avrebbe raccontato di essere stato spogliato dall'indagato e costretto a subire atti sessuali, poi non perpetrati solo per la strenua resistenza alle "avances" dello straniero.

Una volta scappato, avrebbe dato l'allarme. Dinanzi al gip Valerio D'Andria, che ha convalidato l'arresto, l'indagato - difeso dall'avvocato Vincenzo Bochicchio del foro di Perugia - ha negato qualsiasi forma di molestia sessuale ai danni del giovane, riconoscendo comunque di aver aggredito i militari. "I fatti ascrivibili all'indagato - scrive il giudice - testimoniano un'indole criminale preoccupante avuto riguardo alla pericolosità della reazione avuta nei confronti degli operanti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per il giudice appare comunque "verosimile" che la notte tra il 29 e il 30 ottobre il giovane sia stato aggredito fisicamente e che abbia avuto la necessità di fuggire, ma rimane "ancora incerta l'origine di tale aggressione", escludendo, per ora, la gravità indiziaria per i reati di sequestro di persona e violenza sessuale. Disposta la custodia cauletare del carcere per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pescara-Perugia 2-1, al posto di Oddo parla Goretti che accusa: "Sottil antisportivo"

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Questo matrimonio non si deve fare, intervengono i Carabinieri e sventano le nozze combinate

  • Coronavirus in Umbria, quattro bambini positivi: "Tutti asintomatici e in isolamento"

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 10 agosto: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento